ROBERT JON & THE WRECK (Last Light on the Highway) ••••

Last Light on the Highway è un ulteriore scommessa vinta dai Robert Jon & The Wreck.
Penetra con abilità e desiderio un luogo, il rock, e i suoi dintorni (sfondi sudisti e R&B) in un arco di tempo limitato che dà ancor più compattezza a Last Light on the Highway di (di)segnare percorsi desideranti, al suo interno, contro la noia e il già sentito (il colore nostalgico che si insinua nella florida bellezza di Oh Miss Carolina e Work It Out, con le chitarre pronte a liberare vitali contenuti).
Sono i corpi ...
Nr° Letture : 61
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

CW AYON (What They Say) ••••

Lo stile di Cooper “C.W.” Ayon tende a controbilanciarsi tra la matrice dell’Hill Country Blues e nei suoi sentimenti, un ‘one man band’ del New Mexico (nativo americano, il padre è un Cheyenne) al nono disco, What They Say mixa 6 nuovi brani e rivisita 6 brani dai vecchi dischi (un occasione unica per chi sfortunamente non lo conosce).
Un passato che per CW Ayon preme e diventa il motore fondamentale della storia di What They Say sbriciolando i fondali del mississippi delta blues sotto la spinta di pulsioni, desideri,...
Nr° Letture : 114
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

WILLIE NILE (New York At Night) ••••

New York City, atto d’amore per Willie Nile da 40 anni, anche al 13° disco, fonte d’ispirazione che ha un merito anche in New York At Night per il modo in cui riesce a consumare il rock ‘n roll con efficace disinvoltura.
New York Rockin ne inizia a parlare in modo passionale, il rock si riversa nelle strade e la palla, anzi il disco, passa alla squadra di Hockey, possiede una sua vigorosa tenuta come quella di The Backstreet Slide, e i suoi netti confini fanno da baricentro, anche narrativo, nel pensiero d...
Nr° Letture : 70
Stampa Recensione

LUCINDA WILLIAMS (Good Souls Better Angels) ••••

In Good Souls Better Angels la vita pone ostacoli ma offre anche diverse possibilità, non sopporta né rispetta destinazioni, mete e scopi predeterminati, permette anzi talvolta un rovesciamento inatteso di prospettive tale da lasciare interdetti.
Lucinda Williams inizia a calarsi su desertiche strade americane dove regnano cattive notizie, relazioni che vanno a farsi benedire, brutti ricordi e gente ancora più brutta, dentro e fuori, poi c’è la politica e i problemi del clima e gli effetti che scatenano entrambi, alimen...
Nr° Letture : 103
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

PACIFIC RANGE (High Upon The Mountain) ••••

Seamus Turner (chitarra e voce) con Nate Ward (batteria) frequentano l’università della California, annata 2013, piacere per la jam alla chitarra, non solo, ci sono connessioni musicali tali da formare una band.
Fanno esperienze seppur tra college e music pubs, ma la base è solida, i Pacific Range ne sono una conseguenza, un suono corale anni ’70, inclinazioni chitarristiche lunghe e la melodia brilla come il sole della West Coast.
Un disco luminoso High Upon The Mountain (title track compresa), ha le giuste c...
Nr° Letture : 98
Stampa Recensione

STEEPWATER BAND (Turn of the Wheel) ••••

La band di Chicago da una ventina d’anni sulla scena rock Americana, riesce ancora una volta a trascinarci in quell’universo fittizio dove spazio e tempo del rock sono fattori labili.
In Turn of the Wheel c'è l'irruzione violenta del reale e c'è l'improvvisa lontananza, l'incanto dei continui squarci “liberi” che le chitarre di Jeff Massey e Eric Saylors filtrano attraverso Turn of the Wheel (title track compresa) dimostrano come la Steepwater Band sia capace di aprirsi a derive cristalline nel rock.
‘Primi pi...
Nr° Letture : 132
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

8 BALL AITKEN (Swamp Blues 2) ••••

Seconda sessione allo Yellow Dog Studios per 8 Ball Aitken, Swamp Blues diciotto mesi dopo ha un seguito, in Texas.
Dal patio di Guthrie Kennard che ha anche co-scritto un paio di brani tra cui Tremolo Rain, brano iniziale pensando a un giorno piovoso e alla frase ‘That rain sounds like a tremolo pedal’.
Tra le strade di New Orleans si apre un viaggio nel profondo blues, swamp & delta mississippi, groove alla chitarra insistenti come quelli di Week Man diventan...
Nr° Letture : 105
Stampa Recensione

CLAWS (No Connection) •••½

A volte capita di ritrovarsi tra gente che si agita intorno a questioni come “dignità”, “utopia”, allora serve del Rock ‘n Roll.
La band di Los Angeles dei The Claws gode di un bel campo magnetico fatto di energia invisibile, tutto intorno al corpo dell’esordio di No Connection, ed è più forte quando alcuni si sentono innamorati.
È il caso del vocalist Chad Cherry, un percorso a pane, chitarre e rock, quello che sale dalla spiritata Little Glimmer, passioni e sentimenti non scivolano mai nel melodramma, l'alter...
Nr° Letture : 113
Stampa Recensione

ALEX BEAIRD BAND (Come Back Home (To the Blues)) •••½

Alex Beaird è un chitarrista, songwriter, del Missouri, suonava nella rock band dei Bull Mountain Revelry, il fratello lo segue alle percussioni a comporre un registro essenziale, privo di filtri.
Lo si evidenzia dalla suggestiva bellezza di Northern Train, traccia un perimetro nel blues/rock a descrivere uno spazio dal quale non è semplice scappare, perché ci appartiene.
Alex Beaird Band ne appiattisce gli sfondi fino ad annullarli, dilatando i tempi ed alterando la melodia attraverso colorazioni nel classico blues (...
Nr° Letture : 109
Stampa Recensione

PEACE MACHINE (Golden Velvet) ••••

I Peace Machine sono un trio austriaco al disco d’esordio, blues e rock dominano la ‘strada’ di Golden Velvet: non è un luogo ambiguo perché difficilmente definibile, perché anonimo: la splendida A Love Song è come un segmento fantastico che lega su di essa blocchi di realtà differenti.
Golden Velvet su di essa sembra essere in una continua fuga, perché mai fermo, Phill Torres, voce e chitarra, non lascia nemmeno i testi “fuori” di essa, la chitarra elettrica divampa in Golden Velvet, la title track.
S...
Nr° Letture : 163
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

RECORD COMPANY (Early Songs & Rarities) ••••

I Record Company, il trio di Los Angeles di Chris Vos (voce, chitarra e armonica) fa un bel regalo a tutti i fans con un disco di brani mai registrati, versioni differenti dai 2 dischi pubblicati Give It Back To You (2106) / All Of This Life (2018), e qualche azzeccata cover.
Come ci si poteva aspettare (sempre se li conoscete) Early Songs & Rarities penetra in un batti e baleno sotto pelle, l’armonica che fa faville nell’apertura di Darlin' Jane, fa subito all'amore col blues/rock e con i corpi che la popolerann...
Nr° Letture : 127
Stampa Recensione

PRETTY LIGHTNING (Jangle Bowls) •••½

Tedeschi, un duo, Christian Berghoff e Sebastian Haas, suono seducente si leva dalla strumentale Swamp Ritual, poi si irrobustisce in Jangle Bowls e Hum, il fondo è il blues ma sopra si muove tanto e di tutto.
È un mondo variegato quello dei Pretty Lightning, rock alquanto muscolare e incline alla psichedelia ma senza che tutto trabocchi, come tagliare il ramo su cui si siede e riuscire a farlo senza cadere per terra, vien fatto di dire, che si dà con Jangle Bowls una prova di equilibrismo non faci...
Nr° Letture : 116
Stampa Recensione

STRANGE MAJIK (20/20) •••½

20/20 è un sano disco di rock and roll, di quelli con poco tasso zuccherino e non lascia la bocca amara, con una band affiatata e la scelta di una sezione fiati che sa rispettare le vampate elettriche di David Pattillo aka Strange Majik.
Vecchia scuola con un passato da chitarrista blues, da Curtain Up e la corposa piacevolezza di Edge of Trust, si percepisce un sicuro controllo sul fluire musicale, con percorsi melodici distinti e variamente intrecciati alla realtà delle cose che ci circonda (World on ...
Nr° Letture : 116
Stampa Recensione

JOSHUA BATTEN (The City Within) •••

Australiano, 23 anni, al secondo disco, Joshua Batten, songwriter e chitarrista, segue un imprevedibile percorso nel blues/rock, capace di trascinarsi dietro un copione che anche se accusa un po’ di stanchezza, merita un ascolto.
The City Within ha tempra quando è ben elettrificato, Bleeding Truth o Clarity hanno un suono classico, convincente come una bella ambientazione, il ragazzino senza affettazioni, con presunzioni ridotte all'osso (suona anche il basso e le tastiere, con poche eccezioni) piazza conv...
Nr° Letture : 115
Stampa Recensione

MOONDAZE (Six) ••••

Marja Boender spinge con la voce, Sebastiaan Fledderman con la chitarra. Blues/rock targato anni ’70 capace di scavare dentro la nostra ‘società in Lockdown’, come fosse uno psicanalista con un martello gigantesco e contemporaneamente sottile.
Un power trio olandese, i Moondaze, con un montaggio serrato, secco, senza insistenze melodiche e senza pause, regalano un disco pimpante, sgargiante, Take It Easy a Black Mirror, mostrano subito che quando la donna è il primo motore attorno al quale e dal quale tutto pren...
Nr° Letture : 169
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

WATERMELON SLIM (Traveling Man) •••½

Il ragazzo di 70 anni (conta il cervello) William “Watermelon Slim” Homans III ripercorre vite, viaggi, politica in Traveling Man, due serate dal vivo approcciate da ‘one man show’: chitarra slide imparata a suonare in Vietnam (a modo suo, col legno di balsa e uno zippo, ascoltando i dischi di Fred McDowell), l’armonica e una voce che è capace di reggere una scena così scarna.
Per quasi due ore, Traveling Man bisogna lasciarselo scorrere addosso come se si fosse al buio, in quella sala in Oklahoma, prima della luce abb...
Nr° Letture : 138
Stampa Recensione

DELTA SHADE (Low) •••½

Low ha un volume corposo e ricco di sfumature, il tono della voce di Chad Buchanan è quello di un rocker abbeverato ai dettami del classic rock.
I Delta Shade mostrano con King come la chitarra elettrica di Travis Prine e la batteria di Andrew Laich sono in grado di ferire con la loro invadenza penetrante, tagliano lo spazio anche di Time Traveler e nel cuore di Fire creano una discontinuità accattivante.
Il Blues&Rock da Victorville, California, del trio dei Delta Shade continua a travolgere la s...
Nr° Letture : 141
Stampa Recensione

LILLY HIATT (Walking Proof ) •••½

Lilly Hiatt torna alla foce dell’americana, Rae apre un nuovo giro di emozioni, di confessioni piene di dettagli, non più autobiografiche, da una ballata si passa agli squilli elettrici di P-Town e Little Believer, il succo non cambia, pervadono la figura di Walking Proof e non lo fiaccano, perchè la ragazza Viaggia nel cuore della musica cantautorale americana, nelle sue ombre, nei suoi corpi melodici che si attraggono.
In questo si dimostra ferrata, convince in Some Kind Of Drug, nel pass...
Nr° Letture : 150
Stampa Recensione

TROY REDFERN (This Raging Heart) ••••

Chitarrista indiavolato Troy Redfern, intenso come This Raging Heart, la slide guitar non teme nulla a sentire Wrong Side of the Tracks, schioccano come frustrate le intense vibrazioni elettriche di Tonight, tanto che le endorfine prodotte dal movimento ritmico di This Raging Heart funzionano da analgesico e insieme da euforizzante.
Rock mischiato al blues, sale piano in It Ain't Easy è come un giocattolo, consente alla fantasia creativa di svilupparsi e di correre libera, contornano e lamb...
Nr° Letture : 177
Stampa Recensione

JACOB GREEN (Little Courage) •••½

Jacob Green e l'estrema, quanto necessaria, umiltà di un'idea quella di dividersi tra un ‘OneManBand’, (stompbox, quella sotto al piede, armonica e chitarre) e con la band.
La base di Little Courage che non lascia il proprio campo e vuole - e può - affacciarsi sul mondo del blues con convinzione per isolare un dettaglio e farne momento di sorpresa, dunque in Hope You Ain't Out of Love, Bring the Blues Back e nella ruvida bellezza di Like a Lightning Bolt e Break that Chain.
Si gira dalla pa...
Nr° Letture : 179
Stampa Recensione

CLARE FREE (Where Are You Now?) •••½

Where Are You Now? la succosa title track, spinge nella rievocazione degli archetipi di tanto blues/rock classico, ma Clare Free (chitarrista blues con un paio di onesti dischi alle spalle, l’ultimo 7 anni fa) non si limita a vivere di momenti espressivamente riusciti, l’egregio lavoro alla chitarra tiene in forte considerazione anche il suo passato sia nei contenuti che nella melodia.
Non per copiarlo, però, l’armonicista Bob Kidby le da una mano in Did The Right Thing e il blues Where Are You Now? è pr...
Nr° Letture : 160
Stampa Recensione

MARK EASTON (Free Yourself) •••½

Il blues per Mark Easton è forma di un emozione invece di essere emozione in sè, lo ribadisce in Free Yourself con un ritmo che ama i saliscendi repentini, intrigano in fretta e vanno a comporre un quadro dalle suggestioni sinistre tra la florida Your Driving’s Driving Me Crazy e per come sfocia nelle ballate lungo il delta mississippi (Indian Summer, Free Yourself e Rumour Has It).
Un riassestamento del punto di vista rispetto al blues/rock, una realtà che, nei suoi aspetti portanti, It...
Nr° Letture : 188
Stampa Recensione

SONNY LANDRETH (Blacktop Run) ••••

Sonny Landreth e la giusta cattiveria alla chitarra slide, mai domata, la distanza della vecchiaia è ancora lunga.
Con Blacktop Run andrete subito alla ricerca della sua storia, abbandonatevi alla fabula del lavoro alle corde della chitarra e all'emozione che ne vien fuori, approcciate dall’acustico della Title track con un pregevole lavoro che si espande specie nelle strumentali (Lover Dance With Me, Beyond Borders e Groovy Goddess).
La ricerca della matrice blues resta primaria, non si p...
Nr° Letture : 191
Stampa Recensione

TRICKLEBOLT (Straight into the Blue) •••½

Straight into the Blue ha chiare influenze rock anni ’70, si allarga il raggio d’azione, i confini non devono essere troppo marcati, senza regalare accenti ambigui, la grinta regna sovrana da Air Balloon, con l’organo Hammond in bella vista in Atlantis, il rock non ansima nel suo correre senza sosta contro il tempo solcato dai Tricklebolt, band olandese al secondo disco.
Sunday suona diretta, rock 'n roll classico con l’armonica che infuoca il finale, Tim Kampman e Bastian Pen, chitarrista e cantant...
Nr° Letture : 215
Stampa Recensione

DRIVE-BY TRUCKERS (The Unraveling) ••••

Pistole facili in luoghi sacri, per non parlare della droga che chiama morte, le violenze razziali, non sono tempi per la poesia, per Patterson Hood e Mike Cooley albergano come oggetti via via sempre più mimetizzati negli anfratti scomodi, ma inevitabili, della nuova politica Americana e lo spiattellano in The Unraveling.
Il suono è grintoso, ma il rock non straripa da ogni dove, sa imporsi ma mai come una presenza ossessiva in Armageddon's Back In Town, lo caricano di incognite e di conflitti sempre pronti ad esplo...
Nr° Letture : 210
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

JAGAT ••••

Jagat, ovvero ‘universo fisico’, la band lo spiega: “..deriva dal sanscrito, una delle prime lingue del mondo.. movimento che spinge l'universo ad una trasformazione che coinvolge ogni cosa.. fisiche a quelle spirituali. The Jagat e la musica.
Un introduzione che ci fa capire che Non ci sono “carinerie” in The Jagat, ma esplosioni di impulsi vitali, nervosi e chitarristici, verso una instabilità che porta dentro Ma Tu, inizia con uno stato di contaminazione espansa tra il rock di stampo classico e il blues e non...
Nr° Letture : 447
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

DEWOLFF (Tascam Tapes) ••••

Il nuovo album dei DeWolff è stato registrato ‘on the road’ per meno di 50 dollari, lo trovate scritto sulla copertina di Tascam Tapes.
Il trio olandese decide di sperimentare e lo registrano tra le pause del loro tour su un Tascam 4 Track Cassette Recorder degli anni ’80, naturalmente senza batteria (difficile farla entrare nel loro pullmino, ci entra al massimo la chitarra), pre-registrando i suoni di Luka van de Poel.
Col fratello, il cantante Pablo, aggiungono parentesi elettro-psichedeliche, percorsi sperimenta...
Nr° Letture : 246
Stampa Recensione

BAD TEMPER JOE & FERNANT ZESTE (Haunt) ••••

Due cantautori e chitarristi blues, il tedesco Bad Temper Joe incontra il belga Fernant Zeste 4 anni fa nella sua Bielefeld, per una serata blues, non sarà l’ultima.
Haunt è un disco tanto semplice da apparire spoglio, tanto lineare da sembrare démodé, nasce da conversazioni notturne attorno a un tavolo, alienazione avvolta dall'oscurità, sale come l'umorismo nero in 6 brani a testa.
La chitarra elettrica è la breccia che si apre nel tessuto di Don't Talk About Break-Up (While I Eat), Winterblues a...
Nr° Letture : 275
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

DEMIAN BAND (Souvenirs from Hell) ••••

Nato in Argentina e accasato in Spagna, sesto album per il chitarrista Demian Dominguez (cosa curiosa, un marchio di amplificatori gli ha dedicato un modello) in Souvenirs From Hell chitarre e blues dialogano e si nutrono di nuove energie (Souveners from Hell e You Don't Love Me) fino a definirsi in un tempo e in uno spazio magicamente sospesi nella ballata I'll Wotta Woman.
Luogo magico creato dalla Demian Band in cui ogni dettaglio della chitarra è pronto a lacerare carne e nervi in Whiskey...
Nr° Letture : 270
Stampa Recensione

PINE BOX DWELLERS (Desperate Days & Longing Nights) ••••

Band americana della Georgia, mischiano sonorità roots/country con bagliori swamp blues, hanno idee semplici di vita (amore per la famiglia, la vita dopotutto non è così male.. e poi c’è la musica) le propongono Sean Clark (voce e chitarra) e Jody Perritt (armonica e chitarra lap steel), le impronte marcate dei Pine Box Dwellers, e questo connubio spinge forte dall’iniziale Off the Side.
Prolungano l'azione in Another Man e Axle Grease & Gasoline, con un bel gioco alle corde delle chitarre in Three Sho...
Nr° Letture : 256
Stampa Recensione

NANDHA BLUES (Nandha Strikes Again) ••••

Max Arrigo e il trio dei Nandha Blues viaggiano su binari paralleli ma con velocità sfalsate, oneri diversi, ma hanno la stessa efficacia e incidenza nel nuovo disco Nandha Strikes Again.
6 anni dopo l’esordio di Black Straberry Mama è cambiata la batteria, una vecchia conoscenza Roberto Tassone, e l’inserimento al basso di Alberto Fiorentino, insieme raccolgono frutti ancor più succosi e significativi di quanto l'umiltà lasci presagire nel loro approccio al rock-blues, anni settanta, con le giuste influenze del souther...
Nr° Letture : 333
Stampa Recensione

SUGARTAPE (Chandeleidescope) •••½

La vita è un caleidoscopio, luci, colori, immagini, la cui quotidianità per la classic rock band del New Jersey oscilla fra consuetudini e abitudini poco placide e ripetitive della chitarra elettrica, ma per questo confortanti, e di questo, Chandeleidescope ama nutrirsi.
Ascoltando Over Me e Something New, se ne diventa complici in fretta, Matt (Hatt) Harron e Dean Dunlevy al disco d’esordio girano nel rock, non se ne esce da A Minor Crime e Fog on the Barrow Downs, i brani si succedono secchi, sen...
Nr° Letture : 230
Stampa Recensione

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE (Colorado) •••••

Con Colorado, il musicista Neil Young sembra ancora ricorrere al rock come fonte di ispirazione, non come magazzino di materiali dei Crazy Horse, che dopo Psychedelic Pill del 2012 tornano, e si unisce anche Nils Lofgren che sporadicamente lo accompagnava, ai tempi di After the Gold Rush, e forse ne aveva bisogno dato l’imbarazzante Bruce Springsteen degli ultimi tempi.
Con l’armonica, parlando di oceani e praterie, apre Colorado, ascoltandola in Think of Me
Nr° Letture : 308
Stampa Recensione

KING OF THE TRAMPS (Wild Water) ••••

Un bel tuffo nel rock classico dalle tonalità roots/sudiste con i King of The Tramps, è una galleria di specchi Wild Water, dalla Title track si apre una ballata dove il rock entra in loop con la malinconia roots della chitarra steel che ha sempre una grazia particolare, e il vostro lettore Cd di colpo s'incanta e tornerebbe indietro volentieri.
Il frontman Todd Patridge dalla piccola città dell’Iowa, si carica politica e chitarre tirate al massimo e l’armonica, così graffiante in Burnin, non da meno la...
Nr° Letture : 297
Stampa Recensione

GHALIA (Mississippi Blend) •••½

Nativa del Belgio, Ghalia Volt vive il confronto col Mississippi blues cercando di superare barriere territoriali, vincere la necessità d'un nuovo inizio, violare continuamente quelle che sono ritenute le leggi del rapporto con il blues, per Ghalia non è stato facile, e per Mississippi Blend si è decisa a farsi appoggiare da chi, in quel mondo, ci naviga a occhi chiusi.
Gypsy Lady ha lo spirito giusto e la chitarra di Lightnin’ Malcolm, il veterano discowmelon.asp
Nr° Letture : 275
Stampa Recensione

TEN YEARS AFTER (Naturally Live) ••••

Registrato nel Marzo dello scorso anno in Germania, la band britannica dei Ten Years After dello scomparso Alvin Lee sembrava aver definito una linea di confine oltre la quale non poter andare.
Stare in equilibrio su quella linea è adesso il compito del songwriter, voce e chitarra, Marcus Bonfanti che ha portato nuova linfa alla base storica Chick Churchill (tastiere) e Ric Lee (batteria, recentemente ha pubblicato un libro, From Headstocks To Woodstock), con il bassista Colin Hodgkinson ...
Nr° Letture : 307
Stampa Recensione

MAGPIE SALUTE (High Water II) ••••

I Black Crowes sono dietro l’angolo, le voci di una 'reunion' sono insistenti, allora questo secondo capitolo dei Magpie Salute dove lo si inserisce? Scritto a Nashville nella stessa sessione del Primo capitolo meno un paio di canzoni registrate durante il tour dello scorso anno, una decisione che sembra la conseguenza a un progetto fermentato da tempo, ma su di un palco è come una roccia vulcanica la cui forma prima di fissarsi definitivamente è ancora pronta a sgretolarsi o deformarsi....
Nr° Letture : 255
Stampa Recensione

AMONG LYNX (Movement) •••½

Band svedese, armonica e blues, in Svezia non sono una novità questo gruppo di solo donne, delle Among Lynx si conoscono i vocalizzi di Evami Ringqvist, la slide guitar di Moa Brandt e l’armonica di Elin “Luffar Lo” Öberg.
Al primo ascolto di Movement si capisce di avere davanti un corpo febbrile, le note pulsanti che salgono da Shameless accalappiano anche i più distratti, non solo gli sguardi di queste belle ragazze sono pronte a depistare, quello che resta vivido è un sano blues/rock dai diversi piani sequen...
Nr° Letture : 265
Stampa Recensione

NORTH MISSISSIPPI ALLSTARS (Up and Rolling) ••••

Alcuni scatti del fotografo texano Wyatt McSpadden documentano una domenica in famiglia nel lontano 1996, c’è papà Jim Dickinson e dei vicini di casa particolari e naturalmente i figli, Cody & Luther, e quest’ultimi le scoprono, quelle immagini in bianco e nero, solo nel 2017 diventando un banco d’ispirazione talmente vitale da trasportare in note e suoni, quei bei ricordi.
Il succoso libretto fotografico di 25 pagine annesso al cd e ne include 6 con gli illustri ‘vicini’ (RL Burnside e Junior Kimbrough), preparano lo sfondo del cele...
Nr° Letture : 334
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

BAND OF HEYSEK (I'm Glad I Met You) •••½

Il trio Ceco continua a proporre risposte univoche senza fabbricare ricette precostituite: I’m Glad I Met You si inoltra in un blues/rock opaco, c'è grinta da vendere (Don't Break It Down, Driving Those Roads Again e Fade Away) scorre velocemente, e subito siamo introdotti in uno spazio labirintico, in cui il confine si attenua solo in Muddy Rivers.
Jan Švihálek lì inizia a disegnare una rassicurante mappa cognitiva entro i confini perimetrabili del blues e nel crescendo di Looking For Free Spiri...
Nr° Letture : 306
Stampa Recensione

LISA LYSTAM FAMILY BAND (III) ••••

Terzo disco per gli svedesi della Lisa Lystam Family Band, altro raggio di luce caldissimo in un autunno che fatica a farsi largo.
Da Get Out Of Bed elementi blues e rock si iniziano ad accumulare, la funzione metaforica sul mondo trae giovamento dalla spinta delle chitarre di Matte Gustafsson e Fredrik Karlsson, e inaspettamente proprio quest’ultimo prende il microfono in High Expectations, un duetto riuscito, come l’album III.
La voce di Lisa Lystam e la ricerca della melodia vengono in superficie i...
Nr° Letture : 299
Stampa Recensione

SAMANTHA FISH (Kill Or Be Kind) •••½

Rhythm & blues, con le enfasi rock forti come Bulletproof (Tangle Eye Mix) e poi la sezione fiati, quando entra si porta dietro uno sfondo anni ’60 caldo e avvolgente come in Kill Or Be Kind e Try Not To Fall In Love With You, questo binomio è protagonista assoluto del sesto disco di Samantha Fish, la signora e padrona che domina tutto quanto il disco, dall'inizio alla fine.
Un punto vincente che nel corso degli ultimi anni si è perfezionato, per le melodie e per come usa la chitarra, Samantha Fish sa com...
Nr° Letture : 285
Stampa Recensione

MINKS (Light & Sweet) •••½

Un rock & roll pastoso, carico, con qualche accenno roots-blues, la front woman Nikki Barber suona la chitarra e porta avanti un sogno, i The Minks, band di Nashville con un paio di Ep alle spalle e tanti kilometri e asfalto sul groppone.
Light & Sweet è un esordio che convince, sembra lasciarsi inghiottire dalla realtà che lo circonda, per lo più sanguigna, disordinata e in rapida trasformazione quando si passa da I Want You, Movin' On e Oh My My alla ballata di Bring Your Lovin' Home to Me
Nr° Letture : 282
Stampa Recensione

TESKEY BROTHERS (Run Home Slow) ••••

I fratelli australiani Josh e Sam Teskey (voce e chitarra), dimostrano di avere personalità al secondo disco Run Home Slow, un ulteriore scalino, non troppo stabile per come vanno alla ricerca di variazioni strumentali e orchestrali rispetto al folgorante esordio di Half Mile Harvest, ma anche se non raggiungono il sospirato capolavoro, Run Home Slow sa farsi valere.
L’impronta anni ’60 e ’70 è ancora decisamente marcata ed è la spinta ad andare avanti sia tra Let Me Let You Down sia quando lo spirito di Otis Redding c...
Nr° Letture : 314
Stampa Recensione

JEFF MASSEY (From the Highway to the Show) •••½

Jeff Massey si ricuce uno spazio solista e acustico, un ‘one-man-show’ sfuggevole, se lo si pensa come frontman della Steepwater Band, dilatato, per come i brani scelti sembrano quasi specchiarsi e riconoscersi con la sua vita di musicista.
Dalla sua parte quando il tocco è blues, Ain't Got Love e nell’omaggio a Muddy Waters di Rollin' and Tumblin' e I Can't Be Satisfied (il pregevole gioco alla chitarra continua in Roadblock), la scrittura diventa un eleme...
Nr° Letture : 286
Stampa Recensione

CHILDREN OF THE SÜN (Flowers) •••½

Sentori psychedelici accennati, tanto spirito hippie, quello dell’amore dappertutto, la buona notizia è che sono Svedesi, amano il rock classico, anni 70’, guardano a quel mondo che si è portato via quell'amore perché qui, oggi, l'amore è sempre un'altra cosa.
Quello è l’amore vero, ma questo non è affatto un'ombra.
Flowers è il disco d’esordio della numerosa band dei Children of the Sün (sono ben 8), sin da Her Game sbuffano vapori di classic rock come fossero certezze, i vocalizzi di Josefina Berglund Ekholm...
Nr° Letture : 294
Stampa Recensione

ASH GRUNWALD (Mojo) •••½

Mojo è il frutto di un viaggio di 5 anni tra i chiaroscuri della vita del chitarrista australiano Ash Grunwald, condensati nel libro, Surf By Day, Jam By Night, ovvero le sue passioni, il surf e la musica.
Su quest'ultimo versante, il bluesman dopo un silenzio di 4 anni torna a far del solido blues&rock, per il nono disco decide per una ricca collaborazione di artisti e su Mojo i virtuosismi alla chitarra e le ospitate illustri procedono in linea retta.
Si intrecciano e si accavallano (Hammer e in special modo ...
Nr° Letture : 272
Stampa Recensione

ANDREAS DIEHLMANN BAND (Point Of No Return) ••••

Il talento di Andreas Diehlmann non soffre di alcun afflosciamento, il dolce incedere dell’iniziale You Are My Woman è come un soffio prolungato di blues & rock che si potrebbe credere essere il mormorio della brezza di Point of No Return, soave, passa, lasciando indelebili tracce, sull'anima profondamente scossa della chitarra e coi fedeli compagni di corsa (Volker Zeller, basso e Tom Bonn, batteria) a compattare il tutto.
Ebbene si, l’Andreas Diehlmann Band non sbaglia un colpo, Point Of No Return e ...
Nr° Letture : 284
Stampa Recensione

RICH HOPKINS AND LUMINARIOS (Back To The Garden) ••••

Back to the Garden è sulla scia di quel ‘desert rock’ conosciuto nell'album precedente, My Way or the Highway, le chitarre, acustiche ed elettriche lo solcano in lungo e in largo, il songwriter dell’Arizona le evidenzia subito nella bella Acoma Mary, Rich Hopkins And Luminarios (con la moglie Lisa Novak) è bravo nello scambio poetico che crea con lo sfondo di Back to The Garden, ed il valore del testo e sulla stessa scia della melodia entro cui egli ha potuto calarsi.
...
Nr° Letture : 280
Stampa Recensione

ANDREW ROBERT EUSTACE (Different Sides) ••••

Blues e Rock, uno spazio comune che ruota attorno ad alcuni punti focali, una genuina passione e la chitarra elettrica, è un incontro che lo scozzese Andrew Robert Eustace porta con sé anche in Different Sides, sempre a dividersi con la band e spazi solitari, ma la sostanza non cambia.
Eccolo far proprie in For You, North of the Tracks e Lost Soul, le appendici dei luoghi d'un'intimità in cui è bello ritrovarsi, con la band in Different Sides e Blues Kind invece è pronto a regalar...
Nr° Letture : 275
Stampa Recensione

HANGMEN (Cactusville) ••••

La band di Los Angeles è sulla scena del rock dalla fine degli anni ’80, ma il loro ultimo tour risale al 2007 con i Social Distortion, il frontman Bryan Small ha oramai alle spalle un passato difficile di alcohol e droghe, la band ovviamente è mutata nel tempo, ma restano i texani nativi, oltre a lui, Angelique Congelton al Basso, poi la chitarra dalla Florida di Jimmy James e il nuovo batterista, Jorge Disguster.
Cactusville è il loro settimo disco, Rock con vertigini punk ma dal finale melodico, i The Hangmen parton...
Nr° Letture : 252
Stampa Recensione

HOLLIS BROWN (Ozone Park) •••

Spezzano un silenzio durato 4 anni, la band del Queens del cantante/chitarrista Mike Montali decide di dare un approccio ‘moderno’ al rock, ma togliersi di dosso quell’etichetta ‘sound troppo vecchio’ ha procurato riflessioni melodiche contraddittorie, non sorprende allora se nella coda finale dell’iniziale Blood From A Stone manca, purtroppo, la chitarra di Jonathan Bonilla.
In questo senso Ozone Park soffre, se paragonato al passato degli Hollis Brown, più melodia e ricerca di nuovi suoni, Ozon Park si costr...
Nr° Letture : 280
Stampa Recensione

ALLMAN BETTS BAND (Down To The River) ••••

Un incontro lo scorso anno tra Devon Allman (figlio di Gregg Allman) e Duane Betts (figlio di Dickey Betts, spalla chitarristica di Duane Allman, e fratello di Gregg) è stato utile a disegnare un'altra faccia del mito della Allman Brothers Band.
Solido come un mattone il debutto della Allman Betts Band, sorprendente per come si avvicina al rock sudista classico anni ’70, Down To The River è come un'enorme roccia lavica vecchia di decenni che si erge nel mezzo del mito Allman Brothers Band: un luogo difficile ...
Nr° Letture : 337
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

RAY CASHMAN (Houston Electric) ••••

Bluesman Texano, solido e chitarristico, inflessioni molto espressive dal Sud Americano sponda Mississippi, il cuore di Houston Electric pulsa forte e Ray Cashman dopo 8 dischi, a sentire lo stridere della chitarra di Feet On The Ground, sa come mostrare il vero volto di un'intera società che ha perso definitivamente il contatto con se stessa, con la propria umanità.
Lo fa a suon di rock n’ roll, a dare la sveglia con Good Times, uno sguardo e un dialogo secco in Hardway, di corpi 'registrati’ n...
Nr° Letture : 287
Stampa Recensione

HOLMAN AUTRY BAND (Roots) •••½

Quello della Holman Autry Band (al quinto disco) è un rock sudista mai troppo crudo che non ama la messa in scena troppo studiata, compare qualche azzeccata contaminazione country poco scenografica utile a ravvivar il colore di Roots, come in passato, molto ben definito.
Prediligono l'immediatezza chitarristica e nel disordine dell'esistente la band della Georgia sa costruirsi i propri spazi, Keys in the Truck e Roots Cotton Gin propongono una interessante combinazione di stili, nascono e crescono in uno ...
Nr° Letture : 305
Stampa Recensione

ROSE CITY BAND ••••

La band di Portland mette a fuoco ‘quadri’ temporali del rock dai quali è impossibile trovare una via di fuga (ma solo di entrata), arpionano l'attenzione da Rip City e ne trai subito sensazioni positive, il sentimento è in armonia con il paesaggio, si incamminano in ‘slow motion’ e sale una malinconia dalle strade dell’Oregon.
Aspetti di vita in territori immensi, spazi circoscritti da una chitarra ipnotica e poi entra l’armonica, la melodia si accomoda sottopelle come Wide Roll dalle connotazioni cosmiche e trascend...
Nr° Letture : 441
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

CHRIS ROBINSON BROTHERHOOD (Servants of the Sun) ••••

Chris Robinson Brotherhood sono ancora capaci di inventare uno spazio stellato in cui le figure del rock, proiettate al negativo e sovrimpresse in modo così naturale che ogni volta che i sentieri in Servants of the Sun cominciano a biforcarsi, vien da chiedersi dove ci vuol condurre Chris Robinson.
Brani ipnotici come punti luminosi, palle di luce che si muovono parallelamente alla chitarra di Neal Casal e tra le tastiere di Adam MacDougal, un vortice coinvolgente di rock, psichedelico ma sempre bello ricco dal punt...
Nr° Letture : 380
DISCO DEL MESE
Stampa Recensione

ROBERT JON AND THE WRECK (Take Me Higher) ••••

Robert Jon And The Wreck sembravano paghi di spaziare nel classic rock e invece ecco la sorpresa di Take Me Higher.
Proprio così, la ricchezza di temi e motivi dei californiani che tornano a fare del sano rock Americano arricchito da uno spirito sudista presente più che mai, scava nella loro breve storia e Take Me Higher merita di stare sul podio.
Robert Jon Burrison -voce e chitarra- parte col piede giusto nella Title track, tende a mettere insieme spazi distanti del rock con una concatenazione di melodie sch...
Nr° Letture : 321
Stampa Recensione

DUSTY DIETS (Macaroni & Squeeze) •••½

Da Chicago a New Orleans, il songwriter / chitarrista Dustin Dietsche propone una dimensione del blues «deviante», fatta di sottili e accattivanti ibridazioni tra il chicago blues e il sound della Louisiana, in Macaroni & Squeeze (copertina da premiare con un buono pasto da Cannavacciulo) con l’armonica a pretendere l’altro motivo del disco.
Tratti salienti che si rinsaldano durante un vivace scambio di idee in Hooch & Bones, Stumble, Miss Temptation e Dead Wrong, prepara tempo e spazio del blues,...
Nr° Letture : 276
Stampa Recensione

JACK ADAMANT (Unkind) •••

Italiano ma vive a Stoccolma, Unkind è il disco di chi non è abituato a seguire percorsi prestabiliti: perdersi, tornare indietro, fermarsi, ritentare, segnali che si defilano nell’approccio di Jack Adamant alla musica, Alternative Rock/Underground che ha basi non certo nei giorni nostri, ma lo racconta con un suono deciso e intriga il modo in cui lo fa lievitare in brani come A Gap in the Sun e Just Telling Ya.
Rock dalle scure tinte metropolitane, a dargli lo spessore e l'interesse c’è la naturale i...
Nr° Letture : 411
Stampa Recensione

 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2020©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE