MAGNOLIA MOON (II) ☻☻☻☻
 di Rino 'Pili' Colangelo Iacovella



        

  Recensione del  19/08/2021
    

II si erge sulle fondamenta del classic rock, lì dove la chitarra elettrica è libera di spaziare, dove regna incostrastata (un assaggio nel cuore di The Hell I Designed), il quartetto dei Magnolia Moon capitanato da Zach Horton (voce e chitarra) e dal fratello Jesse alla batteria affiancati dagli altri fratelli, Jonathan e Christopher Crowell (basso e chitarra), plasmano idee e musica in un disco ricco e sempre in bilico tra l'emozione anni ‘70 e appunto, l'irruzione della chitarra.
II lo si segue per quaranta minuti senza un attimo di noia, difficile trovarla nella corposa e irruenta bellezza di Sorry Baby, come immersi in uno spazio quasi senza gravità nei 16 minuti divisi tra You Really Got To Know e How To Take, melodia, storie e chitarre non si sfiorano, si toccano, mescolano, contaminano, quasi inconsapevolmente.
II è come quei dischi che non trasmettono gioia e non sono fatti per confortare, ma sono fatti per turbare il quotidiano monocorde, per scuotere, per darti una mossa e in Down The Road ci si immedesima in un battibaleno.
La dolce ballata di Ways I Never Knew That I Could Die si sincera infine, che un allontanarsi da II non è mai definitivo, ma è un portandoselo dietro, è un rimettersi da una malattia continuando a sentirsela addosso.