HILL FREQUENCIES (Routine Break) ☻☻☻
 di Rino 'Pili' Colangelo Iacovella



        

  Recensione del  01/09/2022
    

Hill Frequencies, un duo spagnolo che sguazza tra i contrasti di luci e ombre di un sound ficcante e ripetitivo, quello duro da smorzare tra swamp e delta blues.
Ti avvolge e tira giù con se Routine Break, giocando su riflessi delle chitarre, degli specchietti retrovisori del blues, Damned In Hell a Not Your Business mettono in guardia l’ascoltatore dalla presunzione di poter afferrare Routine Break con un’unica variabile esplicativa.
At Ten O'Clock e si avverte quello spazio senza uscita, cupo, ‘visibile’ tanto che avresti voglia di restarci ancora, incapaci di sfuggire al fascino di Naughty Boy e ai 7 minuti finali di On The Profane Side.
Routine Break trova più di un modo di esprimersi, dopotutto la Spagna non è poi così lontana dall'America.
Beati loro.