SWEET CRISIS (Tricks On My Mind) ☻☻☻☻
 di Rino 'Pili' Colangelo Iacovella



             

  Recensione del  15/09/2021
    

La sacra tradizione del classic rock in uno scenario british, la band dei Sweet Crisis ne mette in discussioni i confini pre-ordinati, sul superamento degli stili adottati ci sarebbe da discutere ma a guardare la realtà del rock, osservarla nei suoi strati e riproporla, Tricks On My Mind ha frecce al suo arco da sferrare a iosa.
L'ugola del vocalist Leo Robarts pizzica a dovere Loosen Up e This Guitar, energia di chi è abituato a guardare lontano, verso ciò che c'è oltre, e c’è abbastanza tra One Way Traffic e Ain't Got Soul, si affacciano contaminazioni tipiche dei suoni metropolitani che rendono protagonista il lavoro alla chitarra di Piers Mortimer, e come tra i suoi quartieri, i suoi abitanti, ci si muove in un ambiente sociale composito, ricco nei 6 minuti di Misty Haze.
Tricks On My Mind conserva la sua libertà, ed è dopotutto semplice (così piacevole in Black Magic), proprio come un gatto.
Un gatto fa ciò che vuole, gli Sweet Crisis fanno solo ciò che a loro piace, scelta trasparente in Love Me Like Sugar, diramazioni melodiche sempre affascinanti e ciò non toglie che queste deviazioni dal percorso originale rendano Tricks On My Mind più sfaccettato e aperto nella psychedelica visione di Living Life On The Edge.
Senza indugi, in Tricks On My Mind accade qualcosa.