CHRISTOPHER SHAYNE (Ten High) ☻☻☻☻
 di Rino 'Pili' Colangelo Iacovella



        

  Recensione del  12/03/2021
    

Una questione di muscoli in strettissima connessione con il cervello.
Il succo di Ten High mix invitante mentre ostenta chitarre grintose, vocalizzi impetuosi sprizzando un benefico southern rock caricato a mille da Christopher Shayne.
Non è poco quello che ha a disposizione e il modo in cui lo sviscera in poco meno di 25 minuti è una di quelle scosse benefiche capaci di ribaltare una quotidianità apparentemente indistruttibile e Ten High dilata questa sensazione dalla raggiante carica di Pour the Bottle creando tra rimandi country, un effetto di autenticità proprio laddove il tutto risulterebbe già sentito.
E invece in soli 7 brani Christopher Shayne sgancia energia, obbedisce a una logica di verosimiglianza al classico stampo del rock ma con un procedimento di significazione così intrigante (le indiavolate Ten High e Getaway Baby) e dunque altamente ellittico tra passioni etiliche e redenzione di classico stampo sociale americano in Any Given Sunday e Burn Me Down.
Ten High spinge sull’acceleratore e si inoltra senza nascondere abissi di furore nella tosta e trascinante Give a Damn mentre lo sguardo di Christopher Shayne tra i fumi dell’alcool, a volte ironico, a volte cattivo, a volte riflessivo, come nella folgorante ballata acustica finale di Just Get Drunk si inerpica tra l'infelicità di tempi in cui è difficile definire l’Amore e in cui è forse possibile comunque divenire adulti.