HIGHWATER (Mother Nature) ☻☻☻
 di Rino 'Pili' Colangelo Iacovella



             

  Recensione del  24/12/2020
    

Svedesi, suonano un classic rock macchiato dal blues dal 2017, e sarà che non hanno la presunzione d'inscriverlo in uno spazio vergine targato anni ’70, riescono a creare un degno ascolto in Mother Nature.
Da Good Times a Falling (In Love Again), gli Highwater trovano il modo per viaggiare nel tempo, nello spazio, con continue dissolvenze chitarristiche e pesano in Say You Won't, con una buona tenacia percussiva in Roll On Down.
Mother Nature mette sul piatto del rock una colonna sonora che non cerca di riempire con i decibel un vuoto di idee e di scopi.
Hanno grinta da vendere anche nel finale di Got It All e del delizioso spirito libero che emana Wrong Side Of Town, ne vien fuori un cocktail di sapori ben amalgamato, bastava una goccia di troppo, o una goccia di meno, di un ingrediente per alterarne irrimediabilmente il gusto.
E invece Mother Nature lo si beve tutto.. ideale per un Capodanno da Virus.