Cerca Recensioni
      BAD TEMPER JOE & FERNANT ZESTE (Haunt) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  23/12/2019                       
    

Due cantautori e chitarristi blues, il tedesco Bad Temper Joe incontra il belga Fernant Zeste 4 anni fa nella sua Bielefeld, per una serata blues, non sarà l’ultima.
Haunt è un disco tanto semplice da apparire spoglio, tanto lineare da sembrare démodé, nasce da conversazioni notturne attorno a un tavolo, alienazione avvolta dall'oscurità, sale come l'umorismo nero in 6 brani a testa.
La chitarra elettrica è la breccia che si apre nel tessuto di Don't Talk About Break-Up (While I Eat), Winterblues at #5 (or Maybe Not) e All is Fine Now.
E al tempo stesso ci introduce in un percorso intimo e quasi sussurrato, doloroso e necessario quanto la serie di lente ballate che paiono quasi statiche nel loro ritmo diluito, raffinate nella torbida bellezza di Battle Cry Blues, ma sono tutte una preziosa scoperta ogni volta che le si ascolta.
Il solo chitarristico, sferzante, di Fannie Mae e la dolcezza di Minstrel's Lament mostrano come la melodia sia in grado di spostarsi senza stancarsi, dentro capitoli di vita che identificano i percorsi dei due songwriters.
Il blues avvolge Little Rain e sa far crescere geografie sentimentali ben gestite in Shut your Mouth e la splendida Been a while Since We've Talked.
Haunt segue i loro itinerari chitarristici, vissuti e consegnati, tutti, alla memoria, deliziosi come quelli di Nova(Nothing to Say).
Un incontro quello di Bad Temper Joe e Fernant Zeste come una sorta di appuntamento con la devianza dopo tanta inutile normalità.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2020©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE