Cerca Recensioni
      CHAMOMILE AND WHISKEY (Red Clay Heart) ☻☻☻

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  13/12/2020                 
    

Marie Borgman (voce e violino) e Koda Kerl (voce e chitarra) dalla Virginia si muovono in due spazi ben definiti, roots&rock.
I Chamomile And Whiskey acconsentono di lasciarsi possedere da una sorta di spirito agreste, capace di deviare qualsiasi aspettativa, di raggirare qualsiasi convenzione melodica e poi aggiungono uno spirito malinconico, poetico che si eleva sotto dosi alcoliche.
Sono presenti in misura massiccia nella ruspante base elettrica di Way Back, sfiora due valenze etiliche opposte, come vizio per i ricchi e come "débacle" per i poveri, ma anche come elemento capace di rivelare la verità e di aprire le menti, i dosaggi country conquistano e danno spessore alla raggiante dose chitarristica di Dead Bird.
Red Clay Heart nasce sulla scia di evidenti sollecitazioni del quotidiano, sceglie un'ottica intimista e psicologica, di stemperarla convincendo nel doppio passo di Never Live Up e nella coda finale di Alright.
Nell’impatto sociale, nostalgia e brutte giornate sanno essere spazzate via dalla piacevolezza di Triumph, serve ad andare contro corrente in mezzo al campionario umano che ci circonda, un clima festoso che contagia Best Of The Worst, con una degna ballata acustica finale, Heartbreak (Luke's Song) a riverberare oscure malinconie, attimi che non sembrano mai dei meri riempitivi di comodo.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2021©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE