Cerca Recensioni
      THESE WILD PLAINS (Thrilled to Be Here) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  16/11/2019                 
    

Sui primi piani delle chitarre che solcano Voices, la band di Boston porta all'amplificazione movimenti ‘corporei e muscolari’ sul rock come personaggi resi paesaggio in Thrilled To Be Here.
I These Wild Plains sono una band a cui piace mischiarlo con l’alt.country, dove le chitarre steel si portano dietro la malinconia, la attaccano a The Quitter e Cazador, bravi a circondare uno spazio bucolico in Carraro's Blues e El Reno, a ritagliarsi spazi poco abituali dove il rock non ne interrompe i movimenti, ma semplicemente cambiandone le direzioni, a vantaggio di un'assoluta fluidità nell'andatura del racconto di Thrilled To Be Here (le muscolari It Is What It Is, Happy Birthday e All You Need).
I These Wild Plains con la dolce bellezza di Stick Around colgono un nodo nei sentimenti, quel qualcosa, il senso stesso di certe vite e ce lo restituiscono in note anche nella splendida chiusura di Must've Rained All Night, ci danno un'ulteriore immagine di forte presenza, senza rinunciare ai filtri del rock esprimono così tutta la nitidezza di un ricordo portato compiutamente alla luce, di forte impatto.
Però questa è solo la superficie di Thrilled To Be Here, il resto bisogna scovarlo ascoltandolo.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE