Cerca Recensioni
      LISA LYSTAM FAMILY BAND (III) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  02/10/2019                 
    

Terzo disco per gli svedesi della Lisa Lystam Family Band, altro raggio di luce caldissimo in un autunno che fatica a farsi largo.
Da Get Out Of Bed elementi blues e rock si iniziano ad accumulare, la funzione metaforica sul mondo trae giovamento dalla spinta delle chitarre di Matte Gustafsson e Fredrik Karlsson, e inaspettamente proprio quest’ultimo prende il microfono in High Expectations, un duetto riuscito, come l’album III.
La voce di Lisa Lystam e la ricerca della melodia vengono in superficie in Crying Through The Day, per poi ritirarsi sullo sfondo quando le chitarre prendono spazio, il fascino del lavoro alle corde sale impetuoso nella tosta Bring Me Somewhere e in I Can't Hold You Glory con l’aggiunta di un’armonica mai doma (quella di Mikael Fall, e si ripete con successo in Can I Get A Little e Wherever I Can Find My Love).
Non ci sono scivolate decorative, l’intro acustico nella ballata di Glory non si trasforma in un alibi, Qui lo spazio viene attraversato, solcato, con grazia e talento da Lisa Lystam e lo ripete in Luke, violata dalla chitarra solo per definirne i contorni tra rock&blues, di quelli che amano spesso prendere angolazioni diverse.
Da Take Me alla chiusura di Not As Good As I Sound, non emergono ripetizioni o banalità melodiche sempre uguali a se stesse, un punto di arrivo della Lisa Lystam Family Band che non passa inosservato come III, ha punti di riferimenti che non vanno mai alla deriva in un mondo che sa essere sordo, superficiale e propenso al banale.
La Lisa Lystam Family Band è un'alternativa da non lasciarsi scappare.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE