Cerca Recensioni
      HUNTER BASKETT (For Her and All My Friends) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  09/09/2019                 
    

Nato e cresciuto in Oklahoma, Hunter Baskett è uno dei tanti americani legati al mito College Universitario - Football come unico bivio possibile nella vita, ed invece poi si cambia totalmente strada.
Chitarra al posto di una palla, la musica, di anni ce ne sono voluti 5, ma è arrivato For Her and All My Friends, dalla vecchia scuola Red Dirt alle connessioni col Country passa davvero poco, ma sono i trasparenti segnali di cantautorato ‘roots’ che si liberano nell’armonica che convincono in Fools Gold, Hunter Baskett e storie di vita in pieno movimento e colore o con sorprese e avventure, e si riflettono nell'ascolto di For Her and All My Friends.
Gli spazi sono quelli delle partenze col rock (decise, coinvolgenti Woman to Blame e quando la chitarra resta selvaggia e mai doma in Lawman's Gun e Livin' Wrong), e degli arrivi melodici (su sponde bucoliche in Wrong Kind of Way), con nel mezzo, la ballata introspettiva di Chasing Tornadoes, punto in più per l’affidarsi ancora all’armonica.
Meglio una chitarra tra le mani che una palla.
Si dovrebbe soffrire di meno, ma non è del tutto veritiero.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE