Cerca Recensioni
      HOLLIS BROWN (Ozone Park) •••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  16/08/2019                 
    

Spezzano un silenzio durato 4 anni, la band del Queens del cantante/chitarrista Mike Montali decide di dare un approccio ‘moderno’ al rock, ma togliersi di dosso quell’etichetta ‘sound troppo vecchio’ ha procurato riflessioni melodiche contraddittorie, non sorprende allora se nella coda finale dell’iniziale Blood From A Stone manca, purtroppo, la chitarra di Jonathan Bonilla.
In questo senso Ozone Park soffre, se paragonato al passato degli Hollis Brown, più melodia e ricerca di nuovi suoni, Ozon Park si costruisce attraverso la tessitura di poche fibre portanti: la voce di Mike Montali e il ricordo del rock n’ roll, ecco allora Stubborn Man, Do Me Right, Go For It e la piacevole She Don't Love Me Now a mostrare una certa grinta anche senza brillare per inventiva, ma risollevano Ozone Park.
Non si capisce quella Forever In Me, inespressiva come la pop music, neutra, l'interlocutore ideale sul quale costruire uno stridore sofferto e banale non certo il rock ‘n roll, per quello bisogna aspettare i guizzi alle corde in The Way She Does It e la rutilante Bad Mistakes.
In Ozone Park è difficile orientarsi, capire da dove si viene e dove si sta andando se l’idea è quella di una rock’ n roll band.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE