Cerca Recensioni
      EB STEWARD (On the Way) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  16/07/2019                 
    

Eb Steward, texano di Wichita Falls, da una famiglia di musicisti un chitarrista che passa a scriverle le canzoni, girano nell'alt. country acustico e pimpante come l’apertura di Wild Azaleas, On the Way si aggira tra storie e melodie nella country & western music.
La chitarra steel sa essere languida e malinconica mentre lo accompagna in brani per lo più acustici, ballate di spessore (Long Walk, Over e soprattutto in Appaloosa Hill e Ghost Train, dove c'è la concretezza di una vita che sembra dover fare i conti con la dispersione e lo spreco del tempo quotidiano) con dall’altra il buon feeling con la band (Honey, Troubles con Alligator a restituire le ferite della vita su pulsanti honky tonks).
On the Way sa scatenare la fiamma che fonde e ricompone l’identità country di Eb Steward e ce lo fa sentire che non ci sarà mai un'incrinatura anche tra possibili ombre in Solomon's Song e On the Way, tanto che alla fine di On the Way quello che resta è più di un solo, delizioso rumore di fondo, costante, subordinato al fragore della vita.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE