Cerca Recensioni
      QUAKER CITY NIGHT HAWKS (Qcnh) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  26/03/2019                       
    

Il quartetto texano di Fort Worth continua a fare le cose come si deve, il classic rock lo masticano fieri, eccolo dunque segmentare lo spazio di Qcnh, introdurre sipari e filtri melodici tra Better In the Morning e Suit in the Back, Sam Anderson (chitarrista/vocalist/songwriter) ne afferra l'attimo fuggente e i Quaker City Night Hawks sono viziati dalla possibilità di fermarne l'immagine, di rallentarla, di accelerarla.
Accanto, l'intensità sotterranea del suo romanticismo in Colorado e Pay to Play, la sua aria svanita e il suo spirito tagliente, le luci di Qcnh restano mosse, sfuocate, bagliori di suoni invitanti salgono dall’ascolto di Fox In the Henhouse, dalla roboante Hunter's Moon e veniamo trascinati lungo una striscia di visioni «mosse» sul rock, chiare seppur in uno spazio compresso e stirato, con una fuga dello sguardo che insegue un senso nella ballata di Elijah Ramsey.
Piace il modo in cui si immerge nell'acqua del rock ed emerge da essa periodicamente, il tempo si dilata in Grackle King, la memoria a suoni anni ’70 si rafforza ancora, i corpi delle chitarre e la loro natura diventano ancor più febbricitanti nella chiusura di Freedom e non impediscono a Qcnh di rintracciare la via di una forte, singolare originalità, che si traduce in una messa in scena che assume e fa proprie le emozioni del rock.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE