Cerca Recensioni
      ADAM HOOD (Somewhere in Between) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  30/10/2018                 
    

Deve ringraziare la famosa cantante country Miranda Lambert, lei ebbe un guasto alla macchina in Texas, lui suonava a New Braunfels, lei non avendo alternative decise di vedere il suo spettacolo.
Il caso ha costruito il resto, ma Adam Hood era un bravo songwriter, uno dei tanti che si muovono a profilo basso nella sconfinata cerchia di musicisti di Austin e la riprova è Somewhere In Between, ballate elettriche di americana con impasti country&blues, si intersecano e si ramificano, nelle quali i particolari assumono un’importanza sempre crescente.
Dapprima in Heart of a Queen e poi con Brent Cobb a fargli da spalla nella vibrante She Don't Love Me, l’amore e le donne descritte con cura nella contrapposizione delle piccole città di provincia e cosa in esso accade: alcune sono vuote, ingorde di simboli, faticano a riflettere significati, altre esibiscono narcisisticamente la loro forma estetica senza poter comunicare il proprio altrove spirituale.
Adam Hood svela un’interiorità magmatica e inquieta, dove si alternano amore, ironia, frustrazioni e desideri (belle Alabama Moon e The Weekend, ma anche la riflessiva Downturn e le scenografie texane disegnate dalle chitarre steel in Bayou Girl e Confederate Rose), non ci sono difetti evidenti o imperfezioni macroscopiche, buon segno, tutto fila liscio, sono i temi vincenti di Somewhere in Between e vengono ripresi in moto circolare anche nel finale con Emily Easy Way e Keeping Me Here.
Il sentimento del tempo passa e cambia uomini, cose e la musica di Adam Hood prende forza.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER