Cerca Recensioni
      REVEREND PEYTON'S BIG DAMN BAND (Poor Until Payday) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  30/10/2018                 
    

Perseveranza e speranza, il Reverendo Peyton torna a confrontarsi con le risorse di una terra mai del tutto esplorata eppure conosciuta da sempre.
Una terra madre il Mississippi blues, ricco di venature country, la slide guitar pronta a costruirle e subito a sovvertirle, il corpo del racconto di Poor Until Payday.
Sprizza vivacità You Can't Steal My Shine, il trio The Reverend Peyton’s Big Damn Band (con la moglie e il batterista Max Senteney) sbilenca come la creatività del suo autore, attraverso il blues in Dirty Swerve e Poor Until Payday, per happening di pura atmosfera, privo di zavorre psicologiche, l’armonica e la chitarra slide entra nel solco di un’eccentricità vivificante anche nelle tenebrose So Good, Me and the Devil e prende per mano Get the Family Together.
Splendida la ballata in solitaria di Church Clothes, una via di emancipazione dalle inquietudini che ci opprimono, con la chiusura di It is or It Ain't a rendere Poor Until Payday ancor più prezioso dell’oro se lo si ascolta nel modo e nel verso giusto.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER