Cerca Recensioni
      CEDRIC BURNSIDE (Benton County Relic) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  30/10/2018             
    

Registrato in presa diretta, in 2 giorni, il nipote di Robert Lee Burnside s’immerge nei ricordi del passato, ai quali si appiglia come a punti cari, isolati nella traiettoria del tempo del mississippi delta blues, ipnotico, persistente, costante.
Benton County Relic non lo lascia mai sepolto in una tensione sotterranea, blues elettrico che sale da We Made It e Get Your Groove On, vibrante e vivace, quasi ‘pettegolo’ in Please Tell Me Baby, ammaliante in Give It To You, ma dato che l’amore è un demone, come affermava Platone, lo spazio creato da Cedric Burnside è pregno del sudore rilasciato dai vortici alla chitarra che girano e rigirano, a lungo, in Ain't Gonna Take No Mess, in Typical Day e Don't Leave Me Girl.
Il fascino di Benton County Relic una volta terminato, spinge a dirci ‘Già finito?’, per poi subito prendere atto che in quei brani il discorso sulla tradizione del blues è solo apparentemente così lontano dalla nostra, e Cedric Burnside ha saputo fornire tutto il necessario per riconsiderarlo, Hard To Stay Cool e Call On Me, ballate dense e pregnanti, l’acustica There Is So Much, sono lì ad aiutarci a dare un senso alle cose che accadono intorno, a diradare l’aria grigia, quando tutto è più faticoso.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER