Cerca Recensioni
      MOJO MAKERS (Songs of the Sirens) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  30/10/2018             
    

Sapidità anni ’70 traspare dalla carica vocale del chitarrista Kasper Osman, capace di movenze aggraziate e di accensioni repentine fin da A Hymn to Woodstock e spingono il quarto disco della band danese dei Mojo Makers.
Si posizionano nello spazio del rock e del blues del Sud Americano e ardono di una fiamma propria, innescatasi nel passato del rock e non ancora spente tanto che in Songs of the Sirens, quarto disco, si soffermano spesso a evocare il loro legame (Songs of the Sirens e Bless My Soul), ma i Mojo Makers sanno sovrapporre con delicatezza la filigrana di emozioni (le ballate Away e le acustiche I'll Mind You e You Got Me Blinded) mentre l’elettrocardiogramma di You Move Me sbalza di continuo.
Un saliscendi ritmico come motore del racconto di Songs of The Sirens che i Mojo Makers conducono liberamente nel fascino di One for the Money, il resto è più di un contorno, mai trascurabile e importante nei dettagli di The Pearl Made of Amatyst e la struggente An Apology Song dove far intravedere un lembo di verità per poi nasconderla.
Songs of The Sirens, un disco contro ‘l’apatia morale della vasta, incurante, sconsiderata, crudele maggioranza bianca’. Augh!



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER