Cerca Recensioni
      BILLY F GIBBONS (The Big Bad Blues) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  30/10/2018                 
    

Il secondo disco solista di Billy F Gibbons è uno di quelli che ‘si fa ascoltare’ (al contrario dello sbandamento afro-cubano dell’esordio Perfectamundo) in The Big Bad Blues il verbo che conta non è ‘ascoltare’ ma ‘fa’.
È il fraseologico ‘fa’ che indica la dettatura dei tempi e dei ritmi del blues e del rock & roll ben bilanciati con una lista di classici degli ultimi 50 anni, la chitarra e l’armonica indicano i tempi giusti in brani come My Baby She Rocks e nel brano di Muddy Waters, Standing Around Crying e più volte lo sguardo di Billy F Gibbons ricompare a impaginare la storia (gran lavoro in Bring It To Jerome e ancora con Muddy Waters in Rollin’ And Tumblin’).
Nel mezzo brani originali e lunghe parentesi alla chitarra di indubbio fascino (Second Line, Mo’ Slower Blues, That’s What She Said e di nuovo la spinta dell’armonica in Let The Left Hand Know), è chiaro che siamo ancora dentro le strade percorse dalla band Texana dei ZZ Top, messe a ferro e fuoco in passato e Billy F Gibbons, fortunatamente, non smette di percorrerle.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER