Cerca Recensioni
      BAD TEMPER JOE (Ain't Worth A Damn) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  18/06/2018             
    

Vecchia scuola quella del tedesco Bad Temper Joe che registra un disco dal vivo al Café de Loge in Belgio: 9 brani, chitarra slide e rimandi dal Mississippi scuri e accattivanti che attraversano Ain’t Worth A Damn come un raggio di luce che accentua le zone d’ombra del blues.
6 dischi nell’arco di 3 anni, l’approccio di Bad Temper Joe non si cura delle distanze, da Farmer's Daughter è trascinato dentro, circondato da ciò che sta suonando, vortici nel delta blues a cui è difficile star lontani in Most Things Haven't Worked out Yet come dalla dualità tra luce e tenebra che irrorano le ballate (Man for the Road a If Tears Were Diamonds).
Sono una sorta di piramide da cui derivano tutti gli altri brani che via via nel corso di Ain’t Worth A Damn si manifestano con una nitida bellezza (Nighthawk Woman Blues #9 a Honey for My Biscuit, alla splendida chiusura di I Bid You Goodnight, Sweet Marie).
Ain’t Worth A Damn si muove nelle ombre e tra le afasie, sia quelle umane ed esistenziali, e regala un’unica cover, Spoonful di Willie Dixon a chiudere una serata magica.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER