Cerca Recensioni
      CHARLIE JACKSON AND THE HEARTLAND RAILWAY •••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  18/06/2018             
    

I sogni di un songwriter dell’Ohio sembravano stipati con cura in uno spazio nascosto, protetto da una botola, sotto il pavimento di casa, e invece un’amico e l’idea di una band hanno riconsiderato il futuro del musicista Charlie Jackson a sentire l’esordio coi The Heartland Railway.
L’armonica spinge il ritmo di Days of Wine and Roses e prende significato, è come addentrarsi in un viaggio, non proprio insolito, o inaspettato, ma controllato dal rock e da un sound ‘roots’ tipicamente americano che merita un ascolto, pronto ad aprire in This Bottle a un’esperienza tanto corporea quanto di spirito.
Horizon, Angel of the Carolina Line e A Song Away sono ballate che si lasciano dietro di loro, tracce ordinate di un’emotività anche agreste (lì appoggiano la conclusiva Last Call for the Saints) a tratti nervose, ruvide nel rock di Two Ships e Let You Know, e non sarà così semplice liberarsene.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
SCRIVI ALLA REDAZIONE