Cerca Recensioni
      NOWHERE BROTHERS (Down Life Boulevard) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  07/04/2018                 
    

Duo italiano Nick Ventolini (voce e armonica) e Roberto Fiorelli (voce e chitarre) si incontrano a Trieste, hanno le idee chiare anche quando si perdono di vista, sempre uguali a se stesse se non per la diversa luce del sole, quella delle terre desertiche americane dell’Arizona dove hanno registrato Down Life Boulevard.
Un disco di Americana, sonorità roots e rock suonato con un estro che avviluppa l’ascoltatore col suo alternare armonica e chitarre nella Title track e Peace, i Nowhere Brothers prediligono un ritmo lento, pacato, lo scorrere del tempo senza fretta, come nei film di Tarkovskij, lasciandosi (e lasciandolo) vivere con l’istinto vagabondo in Night e I am One, l’amore degli spazi aperti e quella voglia di solitudine di Dust Walker, gli affetti mettono in crisi, danno problemi, ti costringono a fare, non solo a osservare ciò che accade.
Una lacerante malinconia, causa del suo insolente splendore in Montenegro Diaries e proprio in quella faglia, in quella dirompente fenditura si origina Soul Mirror e nella contemplazione di chi è alla ricerca della libertà ‘desertica’ in Stillness.
Ognuno sente l’ansia, degradante, di essere uguale agli altri nel consumare, nell’essere felice, nell’essere libero: perché questo è l’ordine che inconsciamente riceviamo, allora può aiutare liberare le intriganti storie di confine e squarci elettrici lungo Used Boots e la riflessione finale di Bearing Your Name tra l’individualismo e le regole della società.
Nell’immobilità instabile di quelle ballate, che ti lascia lì sospeso (e ci stai bene!), appeso a un sentimento insolito, singolare, una specie di precarietà giocosa? No, è Down Life Boulevard.



           



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione