Cerca Recensioni
      SHEEPDOGS (Changing Colours) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  12/02/2018                       
    

Classic rock dai colori diversi, si aggirano in Changing Colours rimbalzando in un sound anni ’60/’70 da un brano all’altro indisturbati, ma non restando identici a se stessi ma mutando posizione e ‘gender’ all’interno dello scacchiere disegnato dai The Sheepdogs.
La forza di un sesto disco che mostra subito chitarre tirate a lucido descritte mediante racconti che girano intorno a poche verità, semplici tanto quanto i personaggi che le attraversano, nel bene o nel male, Changing Colours tocca corde profonde e ingolosiscono da Nobody e trova preziose alleate nelle smaliziate I've Got a Hole Where My Heart Should Be e Saturday Night, tutte insieme seguono uno stimolo che le riconduce verso una tipologia di rock classica, ma che al contempo i The Sheepdogs sono pronti a ribaltarla ricercando nuove melodie in grado di compiere ciò che oggi è sempre meno possibile.
Steel guitar, tastiere e una calda sezione fiati (ad esempio con I Ain't Cool) per piccole zone franche pronte a trasformare l’immagine del rock in uno spazio mirabile, accattivante, basta non affannarsi a decifrarle troppo, naturalmente quando tornano a ringhiare con You Got to Be a Man e Kiss the Brass Ring le chitarre (una new entry, Jimmy Bowskill) hanno la fiamma e la freschezza dell’adolescenza che si apre al desiderio, trovando accenti di lirica nella ballata di Cool Down con un bel duetto tastiere-chitarre e in I'm Just Waiting for My Time.
Changing Colours è un’esplosione orgiastica di suoni e colori (Up in Canada e Run Baby Run) una continua offensiva al rock che impedisce di distogliere l’attenzione per tutta la sua durata (17 brani e con diverse strumentali) tanto che vien da chiedersi del perché non vengano studiati a scuola i The Sheepdogs.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER