Cerca Recensioni
      WILLIAM THE CONQUEROR (Proud Disturber Of The Peace) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  06/09/2017                 
    

Un terzetto al debutto dalle influenze indie rock & americana costantemente sul punto di sbriciolarsi, di mostrare i propri bordi, i William The Conqueror spandono su Proud Disturber of The Peace una patina di malessere a Stelle e Strisce con una serie di ballate elettriche affrontate con nostalgica misura e partecipazione, in cui si affastellano ricordi e squarci di vita.
Scorrono tra In My Dreams, Pedestals e Tend to the Thorns dove costruiscono mondi controllabili per perderne il controllo attraverso un immaginario melodico intrigante, come le inflessioni di Did You Wrong e nell’armonica che setaccia l’avvolgente fascino di Sorry Is the Style, i William The Conqueror sembrano osservare la vita attraverso un cannocchiale rovesciato, ipnotiche melodie che moltiplicano il corpo di Proud Disturber of The Peace per ipotizzare un’univocità simbolica col rock.
Ma anche dove il disco è pronto a capitolare sullo scivoloso terreno di The Many Faces of a Good Truth, una sezione fiati che non litiga certo con la chitarra, è invece un giro di boa necessario, il ritmo tiene botta alla Title track e Mind Keeps Changing, trova una bellezza nascosta in Cold Ontario e nell’armonica della conclusiva Manawato.
La via ideale, perfetta, predisposta per scardinare dall’interno le regole di chi ama giocare facile.



           



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione