Cerca Recensioni
      JEFFREY HALFORD And THE HEALERS (Lo-Fi Dreams) ••••

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  28/06/2017             
    

L’ottavo disco di Jeffrey Halford da San Francisco, ma è nato in Texas, parla di storie tutte Americane, nel bene e nel male, sanno essere sagaci o romantiche, piccanti o struggenti a seconda delle occasioni, nella malinconia dell’alt. country con la steel guitar affidata a Tom Heyman in Two Jacksons e il rock ‘n’ roll anni ’60 e quel pizzico di dirty blues dal Mississippi che Jeffrey Halford usa per parlare del Re, Elvis Presley, nella torbida Elvis Shot The Television, storia vera, un cronista Robert Goulet appare e in TV e ...
Cresce la fiducia nella capacità di Lo-Fi Dreams di creare insieme ai The Healers architetture melodiche di senso dentro la narrazione di altre intense ballate come 10,000 Miles, e ci riesce bene in Door #3 e Last Kiss, o quando da voce alla protesta in Good Trouble e irrobustisce le chitarre in Bird Of Youth.
Lo-Fi Dreams è un disco amorevole e girovago, dolente e focoso anche nel finale, Sweet Annette contro Lookin For A Home, alla conclusiva The Great Divide, un attacco di pianoforte e chitarra, così dolce e sussurrata, così minimale e leggera, dove, circolarmente, i buoni sentimenti tornano a darsi appuntamento.
E quello di Lo-Fi Dreams non bisogna lasciarselo scappare.



           



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione