Cerca Recensioni
      SARAH SHOOK & The DISARMERS (Sidelong) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  28/06/2017                 
    

Sidelong è pieno di porte su cowboy, storie di frontiera, pistoleri, e si aprono e si chiudono, in continuazione.
Queste porte raccordano i brani uno con l’altro, sono al centro del classico ‘outlaw country’ che Sarah Shook & The Disarmers dal Nord della Carolina aprono sul selvaggio Far West, gira Keep the Home Fires Burnin' e ci strascina velocemente in un passato dove la vera lotta per la vita è quella tra poveri che, sbattuti nell’arena della sopravvivenza quotidiana, devono difendersi dai loro simili, armati e senza scrupoli, pronti a tutto pur di derubarli dei loro averi, fossero anche pochi spiccioli o un paio di stivali.
Accompagnano come sottofondo le chitarre di Eric Peterson e Phil Sullivan in The Nail, Misery Without Company e la trascinante Heal Me, e fanno sì perno sull’emisfero country, ma Sidelong sa comunque estroflettersi con un nomadismo frenetico tra honky tonks selvaggi, per correre a perdifiato e poi fermarsi come per Dwight Yoakam, un omaggio molto particolare e tanto alcol che scorre anche in Fuck Up, e non solo quello.
Dedicato a tutte le donne che soffrono di casalinghitudine.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER