Cerca Recensioni
      DARDEN SMITH (Everything) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  27/06/2017                 
    

All’Hotel Ella, non sembra un albergo ma un luogo cinematografico, in una serie di appuntamenti pomeridiani, lo scorso Marzo nel consueto orario per l’aperitivo in Texas, ho ascoltato l’anteprima del nuovo disco di Darden Smith.
Difficile scrivere qualcosa di nuovo, che sia rimasto sottotraccia o trascurato, ma Everything se ha un occhio al passato è solo per rimettere assieme i pezzi finiti fuori posto, Darden Smith non cerca di ricomporre un puzzle esistenziale, obbedisce più alle regole della vita, ma sul risultato ci sono pochi dubbi, come lui li ha avuti sulla squadra di amici musicisti (si segnala Roscoe Beck al basso, Charlie Sexton alla chitarra e David Mansfield mandolino e pedal steel).
Speranza dura da rincorrere, l’amore duro da trovare, aleggiano su una serie di ballate introspettive anche modulate dalle chitarre e dal ritmo, scritte insieme agli amici songwriters Bruce Robison e Radney Foster, e nella splendida Firefly c’è tutto il noto corredo del ‘Darden Style’, tutto ciò che in una sola canzone permette di estrarre un immaginario da un nugolo indistinto e di connotarlo inequivocabilmente come suo, e lo ripete in Against the Grain e in Everything.
Lo stile è Texano, sa quando elettrificare sulle sfumature bucoliche e dare supporto al pianoforte in Love Will Win the War e Forever o nelle più dolci Soul Searching e Home, salvo poi lasciarsi prendere a poco a poco dalle ragioni del cuore in I Love You, Goodbye e la conclusiva Can You See the Moon, ma è così Everything.
Siate pronti a concedere spazio a un possibile cambiamento di opinione, e successo all’Hotel Ella, potrebbe accadere anche a Voi.



           



 

 
Foto Gallery
 
     
   
2004-2018   ©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / DISCLAIMER