Cerca Recensioni
      AMERICAN AQUARIUM (Live at Terminal West) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  27/04/2017             
    

Atlanta, fine 2015, nel Thanksgiving weekend, una tradizione annuale per la band degli American Aquarium, si registra Live at Terminal West.
Una parentesi necessaria per un quartetto che lavora duro specialmente in Texas, e con il frontman B.J. Barham che si divide col progetto solista (e con ottimi risultati), ma la band resta il baricentro e si dimostra capace di dialogare trasversalmente con la nostalgia country e l’americana con vibranti escursioni elettriche che presentano in avvio con Jacksonville.
Non servono le mappe alla loro discografia, continua a bruciare (arde con Wolves, nell’evidente trasporto melodico di Southern Sadness e con la languida pedal steel guitar che segue Man I'm Supposed To Be, City Lights e apre la mai doma Lonely Ain't Easy), perché sono una live band gli American Aquarium, niente di nuovo? Sarà, ma molto efficace.
Live at Terminal West è come uno scrigno pieno di gioielli, di pietre preziose (Wichita Falls, la Northeast Texas Women di Willis Alan Ramsey, il pregevole duetto alle corde della chitarra di LBQ) con interventi melodici pronti a creare un sottofondo ansimante, continuo e irrequieto nel finale di Burn Flicker Die e Family Problems.
I cd’s hanno la prerogativa d'invecchiare presto, ma Live at Terminal West è uno di quelli che vien voglia di riascoltare.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione