Cerca Recensioni
      MORGAN HANER (Transmitter Blues) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  27/04/2017             
    

Transmitter Blues è un intrigante viaggio nell’Americana, non vi lascia fuori e tantomeno per strada.
Morgan Haner è un cantautore del Michigan, pensa alla chitarra come un’entità funzionale, e conta parecchio nelle ballate dall’andatura regolare e quieta (My Old Star, All the Hidden Things e Fifty Thousand Watts) l’affonda come un bisturi tra le pieghe/le piaghe della storia di Transmitter Blues, un disco che si presenta sulla carta come un grosso gomitolo di 15 brani ma facile da sciogliere perchè sostenuto da una volontà produttiva efficace.
Figure It Out (Low Side), Die (With a Guitar) e Abilene, Signals/Noise, sono sempre affilate con il rasoio del rock, protagonista come la poetica spirituale in Paying for My Days, ma anche capace di un racconto tra i corpi e gesti country in Champagne and Roses, con la natura nostalgica dell’armonica in Righteous Man e nella ballata acustica finale di Before I Could Find You.
Ci si abbandona ad un seducente piano geometrico monodimensionale e Morgan Haner se ne posiziona esternamente, riuscendo a variare in verticale la posizione di gradimento su Transmitter Blues.



     



 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione