Cerca Recensioni
      ERIC GALES (Transformation) •••½

                     Versione per la Stampante
 


 
 
  Recensione del  31/10/2011                 
    

Al ‘Best Blues Player of 2010’ non tutto è girato nel verso giusto, sembrava caduto l’ultimo velo sul talento di un Eric Gales precipitato nell’abisso della droga e rinchiuso in gattabuia, ma Transformation mostra che c’è un nuovo velo da strappare ad una discografia (una decina di album, compilation comprese) dove le vampate del blues sono ancora percepibili, a volte quasi delle frustate per l’ascoltatore quando le chitarre prendono fuoco.
I’m Innocent Man’ canta nella granitica apertura -7 minuti- di Railroaded, un duetto con la legge che prosegue per l’intero disco, dopotutto, l’esperienza in prigione ha segnato il passaggio dalla droga alla sobrietà, da una vita complicata fatta di scelte errate e tragedie personali alla ricerca della luce, indicata dalla sua chitarra, fedele compagna anche in Trasformation. Tra i demoni continua a distinguersi un talento sopraffino, quel mirabolante gioco sulle corde che cattura Double Dippin', Tortured Mind, I Pity the Fool, un trio di fuoco (la batteria di Aaron Haggerty e il basso di Steve Evans) a spuntare un hard blues dove tempo e spazio si spezzano, si sovrappongono e si appiccicano uno sull’altro.
Antiche liturgie paludose in cui Eric Gales ha trovato casa dal 2006, quando è diventato un autentico bluesman quello di Sometimes Wrong Feels Right e Sea of Bad Blood, ma indipendentemente da qualsiasi mascheramento, si continua a saggiare gli ondeggiamenti della chitarra tra Altered Destiny, I Wouldn't Treat A Dog That Way e la splendida Transformation (“How many times did I have to fail, until I told myself I can’t spend my life in jail”) sfasature all’interno di Time Waits For No One e Catchin Up With the Past dove si avverte la grana palpabile dell'hard rock (anche melodico nel caso di Too Late To Cry) sempre a galla in Trasformation.
Un disco che si presta a continui sovraccarichi chitarristici ma al contempo si carica di una nuova greve atmosfera, a simboleggiare il tentativo di armonizzare la natura umana e la rinascita di Eric Gales attraverso la redenzione del blues.






 

 
Foto Gallery
     
     
   
2004-2019©   PRIVACY POLICY
 

CONTATTI / INFORMAZIONI

 
 
Scrivi Alla Redazione