www.cheapo.it


 

          

RAILWAY GAMBLERS (Shadow of the Moon) ••••

Il fascino di questo quartetto di Chicago lo si deve osservare in modo panoramico, tra l’ottimo esordio di Heart Of The Sun nel 2015 e dopo soli 7 mesi di questo Shadow Of The Moon, e giova parlarne come entità unica anzichè per singoli dischi.
Il vocalist Brendan Folliard torna sui temi scuri dell’esordio con 'passeggiate inferenziali' nell’americana, più chitarristico (grazie a Matt Fricks), ma stessa cura della melodia, tra un linguaggio espressivo e l'altro i Railway Gamblers spingono Shadow in My So...
Nr° Letture : 285
Stampa Recensione
DAN COLEHOUR AND THE CORNDODGERS (Brother's Keeper) ••••

I fantasmi del rocker Mellencamp tornano dal Midwest, un fulminante Ep (One for the Old Man, annata 2004) per il songwriter dell’Iowa che dopo un lungo silenzio getta insieme ai The Corndodgers un sasso in acque ferme da troppo tempo, e Brother’s Keeper provoca onde che (re)intercettano il talento di Dan Colehour.
Un ragazzo quando arriva a San Antonio, Tx, segue i genitori, ma la scena fertile della vicina Austin è lì pronta a cambiargli le prospettive sulla musica, a plasmare un suono dalle forti radici ...
Nr° Letture : 169
Stampa Recensione
TOM GILLAM & The KOSMIC MESSENGERS (Beautiful Dream) •••½

Era il 2006 di Never Look Back, anno di cambiamento per Tom Gillam, musicale e di vita, quella di trasferirsi in Texas dove piano piano le parole si sono tramutate in canzoni, a colorare un suono tra americana e il rock, le due facce di Tom Gillam sia con band degli US Rails e ora con i Kosmic Messengers.
Beautiful Dream è frammentato dalle chitarre, 'frullato' e 'shakerato' attraverso un'estetica tanto cara a Tom Gillam, l'evocazione di un'atmosfera classica e spigolosa del Sud Americano, invitante l’e...
Nr° Letture : 173
Stampa Recensione
WAYNE GARNER (Love Drunk Fool) •••½

Stile texano, Wayne Garner lo sviluppa per espansione e ramificazione in relativa libertà tra rock e americana, lo organizza in un convincente spazio elettro-acustico attraversato da decisi flussi di chitarre pieni di relazioni e incroci.
Piglio radiofonico per la Title track ma nel mezzo di Love Drunk Fool si trova molto altro, di più e di meno, ed è quanto intende mostrare Wayne Garner tra efficaci impasti rustici in Voodoo Queen, Red River Band e Little Red Boots.
Al secondo disco Way...
Nr° Letture : 166
Stampa Recensione
JEFFREY FOUCAULT (Salt As Wolves) ••••

Salt as Wolves’ arriva dall’Otello shakesperiano, ma il velo della finzione si rompe presto perché attraverso le crepe della memoria di Jeffrey Foucault penetrano melodie rivelatrici. C’è poco da decifrare perché spostano l'attenzione sul reale, mescolano tessere di amici e famiglia, ma l’amore consente rattoppi e l’ascoltatore si sente interpellato direttamente in una collezione di ballate di americana e blues.
Una serie di lettere bisognose di continui va e vieni col tempo in cui vivono, lo spirito di un musici...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 394
Stampa Recensione
KEVIN GORDON (Long Gone Time) ••••

A casa, in Louisiana, non è che manchi la vita, la si vive soltanto da un'altra posizione, quella di Kevin Gordon non abdica alla propria rigorosa creatività, scavalca le insidie di un facile minimalismo alla ricerca di un'atmosfera più sottile e psicologicamente intrusiva nel profondo e ambiguo Sud americano.
Può farlo con risorse folk-americana & blues, tra elettrico e acustico, le due ‘anime’ si fondono in Long Gone Time, quella aggressiva con quella di una forte reminiscenza classica, intrisa di un luttuoso roma...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 373
Stampa Recensione
JOE ELY (Panhandle Rambler) ••••

Joe Ely e le strade senza fine del Texas. Quelle polverose, tra Amarillo e Lubbock, dove per analogia con il suo essere nel tempo/spazio della strada che abita, in un ordine codificato di passaggi, identificano Panhandle Rambler.
Joe Ely dimentica le riflessioni della giovinezza e si sofferma sul paesaggio che osserva, Canyons e Highways, l’atmosfera che libera Wounded Creek tra chitarre elettriche ed acustiche e l’immancabile fisarmonica (in mano ad un cast d’eccezione: Lloyd Maines, Joel Guzman, Teye Winjnterp...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 337
Stampa Recensione
LANCE CANALES (The Blessing And The Curse) ••••

Terzo disco per Lance Canales affidato all’etichetta di proprietà di Jimmy LaFave (che produce, canta e suona la chitarra), una voce profonda accompagna una serie di ballate ben costruite su storie vissute anche in prima persona che sulle strade di The Blessing and The Curse solcano confini, geografici ed umani.
I’m tired of love songs. I love songs about death…” un incipit a descrivere un approccio ad uno stile (‘Dark Americana’) che avanza spigliato dalla frizzante California Or Bust e prosegue in ...
Nr° Letture : 334
Stampa Recensione
MIKE ZITO & THE WHEEL (Keep Coming Back) ••••

Lasciato il supergruppo dei Royal Southern Brotherhood lo scorso anno, Mike Zito torna con i The Wheel a scorrazzare tra Texas & Louisiana con un materiale ancora una volta eterogeneo e inserito in uno spazio melodico altrettanto eterogeneo rispetto alla superficie di Keep Coming Back : “Is all in the title,” spiega Zito. “I love the blues, I love rock 'n' roll and I love country music. It's what I do and who I am”.
Un disco ricco dove Jimmy Carpenter al sax e le tastiere di Lewis Stephens ...
Nr° Letture : 312
Stampa Recensione
BOTTLE ROCKETS (South Broadway Athletic Club) •••½

Brian Henneman è il nucleo embrionale del quintetto dei Bottle Rockets, annata 1992, ben 12 dischi, il suo 'modellino' di americana, influenze rock e country torna per pilotare South Broadway Athletic Club, e la sua ‘voce’ ne consente sempre un facile controllo e una visione d'insieme, “It’s the first album we ever made we’re not tired of by the release date” e c’è da credergli per come le melodie innervano tutta Monday (Everytime I Turn Around) e le chitarre Big Lotsa Love e I Don't Wanna Know...
Nr° Letture : 275
Stampa Recensione
WHISKEY PROPHETS (Gasoline Diary) •••½

Texas rock, la musa con la quale i The Whiskey Prophets hanno stabilito una relazione professionale e sentimentale, la portano avanti anche al terzo disco Gasoline Diary, Brad Roberson lo invade con la sua voce mentre la chitarra è lì, come sempre, a commentare, seguire, illuminare, analizzare e talora preconizzare le motivazioni dei The Whiskey Prophets.
Fresca e salutare solca Burned Out Sun, melodie energiche anche nelle ballate che grazie alla maestria dell’aria agreste, si focalizzano nel paesaggio texa...
Nr° Letture : 320
Stampa Recensione
CASE HARDIN (Colours Simple) •••½

Un balzo per il quartetto dei Case Hardin, un disco di quelli che si incidevano anni addietro, ambizioso per come riduce il rock ai minimi termini negli 8 minuti iniziali di Poets Corner, per quel lento movimento tra percussioni e pianoforte, e poi le chitarre, usate con tanta parsimonia, lo scorcio necessario che occorre perché si abbia il tempo di ascoltarle, prima che il ritmo penetri nella coscienza di Colours Simple.
A nord di Londra, Pete Gow fa le cose come si deve insieme alla chitarra di Jim Maving (g...
Nr° Letture : 258
Stampa Recensione
TURNPIKE TROUBADOURS (The Turnpike Troubadours) •••½

Scelgono San Francisco, e strano a dirsi, a solo 90 miglia di distanza, una fattoria, tanto spazio vicino ad uno studio di registrazione e un mese per incidere il quarto disco, The Turnpike Troubadours scorre su di un filo che è sempre il country a tendere, nella sua capacità di smistamento di forme e melodie diverse.
Evan Felker ci mette sempre la faccia (e soprattutto la voce), racconta di sé, di quello che vede e che gli accade intorno mischiando violino, banjo e raggianti chitarre, si prendono The Bird Hunters...
Nr° Letture : 308
Stampa Recensione
PAKE ROSSI (Twisted in the Vine) ••••

Il valore dei primi due dischi -For All That It's Worth (2010) e Mercy Of The Mountain (2013)- sta nel suo offrirsi come tessera di un'esperienza più ampia: come segmento di una sequenza che è partita altrove e che finirà di certo in giro per il South Texas.
L’idea alla base di Twisted In The Vine è la stessa, semplice, si parla della scelte di vita e delle conseguenze che esse comportano, “So brothers”, spiega Pake Rossi, “keep in mind, there's nothing finer than flyin' free but just 'cause you...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 414
Stampa Recensione
JOHN KING AND The MUD RIVER REVIVAL (Write The Wrongs) ••••

Da una piccola ‘small town’ Morgantown, sud del Kentucky, un debutto coi fiocchi capace in una solo apparente semplicità di digerire fonti e suggestioni disparate.
La Vita è dura, c’è poco da fare, lì John King (ex frontman dell’hard rock band dei Sixth Floor) è pronto a raccogliere la polvere d'asfalto per nuove inquadrature rurali utili a grattare le superfici rugose dei marciapiedi che lo circondano e le guance ruvide di volti dei diseredati.
Questo l’approccio di John King And the Mud River Revival, elettro-acustico,
Nr° Letture : 329
Stampa Recensione
KEVIN SEKHANI (Day Ain't Done) ••••

Kevin Sekhani è un songwriter di Austin, Tx, vent’anni di carriera, una parentesi con i The Mercy Brothers, gruppo gospel della Louisiana.
Di ritorno in Texas, l’idea di Day Ain’t Done, americana e radici country texane per fondere il passato con il presente, reinciderlo con una ricca strumentazione (mandolino, steel guitars, fisarmonica, violino) e aggiungere nuove canzoni, in un tutto coeso, come lenti deformanti che consentono di mettere a fuoco allo stesso istante un oggetto in primissimo piano da un lato e uno in p...
Nr° Letture : 333
Stampa Recensione
UNCLE LUCIUS (The Light) ••••

Come una trappola, i vincoli di una casa discografica per chi passa con intervalli ristretti tra le influenze di un rock rurale all’old school R&B e all’Americana erano soffocanti, gli Uncle Lucius al quarto disco optano per una produzione fatta in casa con il contributo dei fans, “We think it’s our best album to date,” spiega il vocalist Kevin Galloway. “We were able to walk away from the label, the whole album in itself is about the journey - maybe about being on the road specifically, or the journey to the insid...
Nr° Letture : 315
Stampa Recensione
STATESBORO REVUE (Jukehouse Revival) ••••

Come declamava il folgorante esordio, ‘Different Kind of Light’ continua a illuminare la texas band dei The Statesboro Revue, la fa sobbalzare, l'espressione di uno sguardo rivolto al Texas che sembra eterno e che ancora pronto a dischiudere un ricco mondo interiore.
Co-prodotto con Gordy Quist e Scott Davis (Band of Heathens) Jukehouse Revival celebra cose semplici, ma le decompone pezzo per pezzo, la vita, l’amore, e con defatigante lentezza tutti gli elementi di un lavorare duro al ritmo di uno ‘swampy ...
Nr° Letture : 289
Stampa Recensione
WARREN HAYNES (Ashes & Dust) •••½

È il terzo disco che porta solo il suo nome, ma Warren Haynes sa come renderli unici.
È il caso del doppio cd Ashes & Dust inciso insieme ai Railroad Earth, arrangiamenti acustici, impronta folk / americana marcata dove liberare la slide guitar in una nuova dimensione, per l’uso così assiduo, mai registrato in passato, una Les Paul meno aggressiva, diciamo, ma sa trovarsi lo spazio per la jam, c’è una stanza in Ashes & Dust dove farlo, Spots of Time.
Nuovi brani, alcune scritte 20 anni fa (“I’ve bee...
Nr° Letture : 297
Stampa Recensione
ROD PICOTT (Fortune) •••½

Rod Picott ci aveva abituati a parlare della gente, con Fortune canta mettendo in scena (in gioco) per lo più la sua vita, si espone e mimetizza ballate folk introspettive con sprazzi elettrici rock/bluesy, canzoni dal cuore e per il cuore.
Una voce dal timbro ruvido, profonda ma accesa e inconfondibile tra l’armonica di Maybe That's What It Takes, gioia e problemi attraverso la vita di un uomo che si affanna a predisporre un futuro che in ogni momento - per un capriccio del caso - può essere scompaginato e s...
Nr° Letture : 261
Stampa Recensione
BRENT BEST (Your Dog, Champ) •••½

Il frontman degli Slobberbone e poi dei The Drams rispolvera l’idea di un debutto solista (ci lavorava dal 2010) e dopo tentennamenti e ritardi, un positivo riscontro tra amici ed ecco Your Dog, Champ.
Il songwriter texano Brent Best resta un’affidabile ‘storyteller’, Patterson Hood dei Drive-By Truckers ne tesse le lodi: “His eye for great narrative puts him in the exalted company of storytellers (both songwriting and literary) like Larry Brown and the McMurtry clan. A true Texas treasu...
Nr° Letture : 281
Stampa Recensione
WHITE BUFFALO (Love And The Death Of Damnation) •••½

Jake Smith ovvero White Buffalo, s'incunea dal 2003 con eccessi zampillanti di realismo e una genuina variante tra americana & rock sempre fiero della propria carica, lo fa prorompere anche in Dark Days, dove un uomo riflette su un futuro migliore, brano utile a rivelare il processo creativo di Love and the Death of Damnation.
Dopo il concept album del 2013 su un veterano di ritorno dall’Iraq tra alcol e disconnessioni celebrali, White Buffalo usa lo sfondo di pulsanti annuvolamenti percussivi per parl...
Nr° Letture : 304
Stampa Recensione
BEN GILMER (Russell County Fair) •••½

Tra le montagne della Virginia è nato Ben Gilmer, una fattoria, tanto duro lavoro, ma anche il tempo di suonare insieme a fratelli e cugini.
Appalachia & Americana per un suono rurale ben equilibrato tra ballate e vivaci sprazzi elettro-acustici, in Russell County Fair (terzo disco) complessifica e rende più interattive tali armonie ridefinendone le forme tra storie che parlano di ‘hard times, family, and love’, frammenti narrativi che si mescolano, si sovrappongono, si contaminano tra accelerazioni (Carbo ...
Nr° Letture : 379
Stampa Recensione
RAY WYLIE HUBBARD (The Ruffian's Misfortune) ••••

Alla soglia del 70esimo compleanno, Ray Wylie Hubbard ha un modo insolitamente accattivante, brioso, di mettere in scena una vecchiaia che non si arrende, The Ruffian’s Misfortune, seconda tappa di una trilogia nata intorno al Mississippi blues, sia da riconoscere come una costruzione formale di cui, nel mentre vi si sviluppa, si è in grado di cogliere il disegno e la tessitura.
This record is pretty much where I am as far as trying to make records that work on a couple of different levels,” spiega Hubbard. ...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 416
Stampa Recensione
SAM LEWIS (Waiting On You) ••••

Il singer-songwriter Sam Lewis trapiantato a Nashville, in solo 3 giorni incide Waiting On You : “There’s a tremendous amount of love and understanding in these recordings,” spiega Lewis.
La voce tempera le emozioni combinandole tra blues, country, soul & il gospel affidato alle McCrary Sisters, lì vivono 'a metà scala' 3/4 Time, da dove scorgere le storie di Sam Lewis, senza alcuna meta si susseguono una serie di ballate, espressive e intense, e da Love Me Again e Waiting On You tornare i...
Nr° Letture : 348
Stampa Recensione
MALLETT BROTHERS BAND (Lights Along The River) •••½

La Mallett Brothers Band si ritira per 10 giorni nell’isolata Piscataquis County, nei pressi del Sebec Lake, lì in un rurale studio di registrazione a incidere il quarto disco, Lights Along the River.
Un’idea pensando all’ultimo Ryan Bingham, forse, di certo passata per il Texas a sentire Late Night In Austin, la tendenza del sestetto dei fratelli Mallett (Luke, voce/chitarra/armonica, e Will, voce/chitarra/banjo) è quella dello spasmo orizzontale nel rock, da scansire e frammentare nel country.
Una costru...
Nr° Letture : 298
Stampa Recensione
JOHN MORELAND (High On Tulsa Heat) •••½

Terzo disco solista per John Moreland, continua a dividersi tra l’approccio elettrico utile a costituire il controcampo luminoso di High on Tulsa Heat, e mantenendo immutata la stessa allucinata capacità di raccontare il lato oscuro della società americana quando si affida alla ballata acustica, voce e chitarra.
Il bilanciamento elettro/acustico funziona, Hang Me in the Tulsa County Stars, American Flags in Black & White e Cleveland County Blues da una parte e Heart's Too Heavy e Whi...
Nr° Letture : 311
Stampa Recensione
MAYEUX & BROUSSARD (High Times & Good Rhymes) •••½

‘Swampy-tonk band’ al secondo disco, il country/rock continua a dare coesione al mondo di Mayeux & Broussard, esercita una forza centripeta che riporta costantemente ai quattro bordi di High Times & Good Rhymes e la consolida nel sanguigno avvio di Stoned And Broke Down (“You might not have the biggest house on the block, or the nicest car or whatever,” spiega Tate Mayeux. “But it doesn't matter. Life's still good”).
Pensieri bucolici che abbracciano Back At Home e Three People, ricch...
Nr° Letture : 305
Stampa Recensione
CHARLIE PARR (Stumpjumper) •••½

Al primo disco per la sua nuova etichetta discografica, Red House Records, il bluesman del Minnesota continua ad avvolgere in traballanti ‘pianisequenza’ steel guitars e banjo, utili a tradurre in cromatismo livido e uniforme suoni tra Lightnin' Hopkins e Woody Guthrie.
Mississippi Country blues stranamente suonato da Charlie Parr insieme ad una band, c’è un piano da barroom ad aprire Stumpjumper e inizia a spiattellare il malessere che ci circonda seppur tra le confessioni di una coppia in Evil Companion.
Il...
Nr° Letture : 312
Stampa Recensione
MULEHEAD (Forever Out Of Tune) •••½

Son tornati i Mulehead!
I had a bunch of songs that I couldn't really fit into solo projects,” spiega il frontman Kevin Kerby. “And I realized that they were actually Mulehead songs” ecco che l’alt-country/rock band dell’Arkansas dopo due anni di lavoro pubblicano Forever Out of Tune.
Determinati dal conflitto con le forze della memoria, utili a conservare l'identità, e le forze del desiderio, che tendono a oltrepassarla, a 11 anni dal loro ultimo disco, Forever Out of Tune cade in un buco temporal...
Nr° Letture : 311
Stampa Recensione
GURF MORLIX (Eatin' At Me) ••••

Gurf Morlix è nato nei sobborghi di Buffalo, il canovaccio che apparenta la maschera della splendida ballata che apre Eatin’ at Me.
Siamo dentro al passato e non lo guarda con gli occhi, con la mente e con le immagini di oggi, ma con la bassa definizione di allora: come se fosse là, e non sapesse come andranno le cose nella vita di un musicista intorno al 1970.
Il passo malinconico di Dirty Old Buffalo non dimentica l'apertura verso l'esterno, quel cosmopolitismo d'immagini, musica e sentimento della metafo...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 511
Stampa Recensione
JAMES McMURTRY (Complicated Game) ••••

A 7 anni da Just Us Kids, siamo lontani da Dick Cheney e l’uragano Katrina, le canzoni politiche si dissolvono e James McMurtry dimostra che può esserci qualcos'altro.
Complicated Game è un disco per lo più acustico (banjo, mandolino, violino, pianoforte e organo) dove le relazioni interpersonali restano a galla per quasi tutti i 55 minuti, ma come il padre romanziere, James McMurtry è uno storyteller e sceglie di appoggiarsi a voce, chitarra e uno spettro da folksinger, il modo più rassicurante per reinter...
Nr° Letture : 393
Stampa Recensione
REVEREND PEYTON'S BIG DAMN BAND (So Delicious) ••••

Il Reverendo Peyton continua ad andare controcorrente alla società moderna dove tutti sono intenti a comprare sogni, a consumare emozioni, a cercare la chiave per non essere infelici. Sogni che negano la realtà e ne costruiscono una di artificiale.
‘Slow down and enjoy life’ sembra ribadire So Delicious, primo disco per la Yazoo Records (nota per lo più ai fans dell’old country blues), dove convivono più dimensioni melodiche: l'azione viene frantumata dal montaggio alternato, e il passato e il presente della T...
Nr° Letture : 411
Stampa Recensione
KEVIN DEAL (Nothing Left To Prove) ••••

Con Kevin Deal si va sul sicuro, il modo più veloce per apprezzare la capacità creativa della Texas Music tra Country/Americana, nel tempo in cui si trasforma all'istante in malinconia sospesa, disarmante e semplicissima nell’iniziale Nothing Left To Prove.
Ma i dischi di Kevin Deal (produce Lloyd Maines) si sottraggono alla 'regolarità' e qualche volta alla linearità del tempo, comunque anteponendovi regolarità e linearità di pensiero made in Texas, a partire da honky tonks ben elettrificati (Let Them Horses Run
Nr° Letture : 362
Stampa Recensione
WRINKLE NECK MULES (I Never Thought It Would Go This Far) ••••

Ambientazione rustica, ma terreno sdrucciolo perché i chiaroscuri della società urbana sono sempre a vista, lì i Wrinkle Neck Mules cercano e inquadrano il proprio bersaglio concentrando lo sguardo su di I Never Thought It Would Go This Far, e parafrasando il titolo, sono ben 15 anni che il quintetto della Virginia non sbaglia mira.
Chase Heard e Andy Stepanian continuano a dividersi parole e microfono, al sesto disco non abbandonano banjo, steel guitars e mandolino ma pronti a duettare con le influenze del rock,
Nr° Letture : 370
Stampa Recensione
CREED FISHER AND THE REDNECK NATION BAND (Ain't Scared To Bleed) ••••

La mano sinistra di Creed Fisher sul cuore di un fuorilegge mentre la destra stringe la chitarra come una pistola, il manifesto per rappresentare questa legnosa ’outlaw bad boys band’, appiccicato al territorio texano che a sua volta si mette in scena.
Talento genuino dal West Texas al secondo disco, Ain’t Scared to Bleed torna a scavare, fino a svelare, le corde di un virile texas rock, non le spiega ma le interroga, e partono in quarta Creed Fisher And the Redneck Nation Band, in I Wanna Be Like Waylon e
Nr° Letture : 398
Stampa Recensione
STEVE EARLE & The DUKES (Terraplane) •••½

Terraplane, la macchina della Hudson che tanto piaceva al bluesman Robert Johnson, sulla quale salgono i The Dukes (davanti siede la chitarra di Chris Masterson) insieme a storie di furfanti con amori andati a male (e qui la separazione dalla cantante Allison Moorer si fa sentire), che a mezzanotte preferiscono incontrarsi con il Diavolo.
Ne risente positivamente l’avvio di Terraplane, l’armonica di Baby Baby Baby (Baby) prepara il campo alle distorsioni elettriche di You're The Best Lover That I Eve...
Nr° Letture : 395
Stampa Recensione
AMERICAN AQUARIUM (Wolves) •••½

Wolves si allontana dalla direttrice scelta da Jason Isbell nel precedente Burn. Flicker. Die., si aprono nuovi spazi, il suono si espande, gli American Aquarium assemblano una serie di paesaggi sonori sospesi, affidati al mix di chitarre elettriche, tastiere, e manipolazioni Country, ottenendo un climax stimolante, un intelligente impasto di rock riveduto e corretto e di neoromanticismo catafratto tra grandi sogni e sacrifici all’ombra del fallimento.
Family Problems è sottesa da un fondo oscuro di ...
Nr° Letture : 412
Stampa Recensione
RYAN BINGHAM (Fear and Saturday Night) ••••

Pace e tranquillità, spazi che non evocano l'istituzione, il fare umano che in essi si svolge.
Ryan Bingham tra le montagne della California, per lasciare da parte il caos che aveva fatto deragliare Tomorrowland, del 2012, alla ricerca di solitudine per rileggere il passato: “Up there, it was totally isolated. No phones, no noise, no lights”, spiega Bingham. “At night the only thing you'd hear is the bugs and the coyotes.”
Fear and Saturday Night guarda alla corporalità, interroga la vita inte...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 617
Stampa Recensione
CODY CANADA AND The DEPARTED (HippieLovePunk) ••••

L’abbandono di Seth James ha inaspettatamente aperto a Cody Canada un labirinto temporale dove far convivere il passato con il presente e con il futuro: “I think some of the things we did on the last record were a little out of my element,” chiaro il messaggio del songwriter originario dell’Oklahoma che torna ad avere pieno controllo sui Departed (ora un quartetto) e su HippieLovePunk.
Pochi fronzoli, tra le chitarre spunta la tastiera di Steve Littleton, ma le due decadi con i Cross Canadi...
Nr° Letture : 407
Stampa Recensione
TRIGGER HIPPY (Trigger Hippy) ••••

Quintetto di Nashville nato dall’idea del batterista Steve Gorman (una volta nei Black Crowes) che decide di unire un gruppo di rodati musicisti (la vocalist Joan Osborne, il talentuoso cantautore Jackie Greene, il chitarrista Tom Bukovac e il bassista Nick Govrik).
‘Sounds’ differenti riempiono il debutto dei Trigger Hippy, un’amalgama di sapido rock, sensuale blues, tracce gospel ed elementi country: “You can see this as a ‘player’s band,’ but it really is a band, in the true sense of that w...
Nr° Letture : 421
Stampa Recensione
LAGER & THE FATTIES (Whiskey Feelin') •••½

Spirito texano baricentricamente spostato in periferia, country da mischiare al rock con una patina bluesy, il resto lo fanno una bottiglia di Whiskey e il portico di casa a Lubbock, Tx.
Lì nascono i Lager & the Fatties, dal 2006 una cover band come tante altre, un paio di anni in giro per il Texas ad immagazzinare esperienze, polvere e viaggi da far entrare nel disco di debutto, Whiskey Feelin’.
Ryan Edwards e Cody Myers mettono a fuoco i principali caratteri da The Dirty Wichita Falls Blues, passo lento, i...
Nr° Letture : 380
Stampa Recensione
BIG DADDY LOVE (This Time Around) ••••

Tira aria nuova in This Time Around, Daniel Justin Smith è oramai il passato, ora c’è il chitarrista e songwriter Scott Moss in prima linea tra la sezione fiati della Turkuaz Horns da Brooklyn sull’incedere del banjo tra le roventi chitarre di Nashville Flood.
Sono un’assaggio dei nuovi Big Daddy Love, Americana, soul, rock, mississippi e radici folk/country, un mix 'da mal di testa', direbbe qualche critico in odore di pensionamento, invece è ricco di panoramiche a schiaffo, lampi di luce in chiaro e in buio, t...
Nr° Letture : 518
Stampa Recensione
SHINE JAR (Getting Up To Rise) ••••

Da un retro-bottega pieno di parole e musica ammucchiate alla rinfusa, Dick Heuvels insieme a un batterista country in pensione, decide di dar spazio a quel vecchio amore con un intreccio trasparente nell’esordio di Getting Up to Rise e sarà anche musica registrata dal portico di casa, tra birra e una buona compagnia, ma gli Shine Jar non inclinano pericolosamente al versante smargiasso del brano radiofonico.
Ricca strumentazione, la scelta di adottare una narrazione più scanzonata e sconnessa in Good Times Coming...
Nr° Letture : 586
Stampa Recensione
JUBAL LEE YOUNG (On A Dark Highway) •••½

Ha scorrazzato per un paio di anni nel Sud dell’America, contro i bordi di un buco aperto solo ai fuorilegge, in quel foro Jubal Lee Young continua a infilare cartoline e immagini da film western. Parte col piede giusto On A Dark Highway, omaggia le radio texane, “It’s a tribute to the DJs and the Texas radio system in general. I think more so than other states you’ve got more of a fiercely independent segment of stations that are playing great music, whatever they want, and that is a good thing”, bel rock Te...
Nr° Letture : 440
Stampa Recensione
LOWELL THOMPSON (Stranger's Advice) •••½

Lowell Thompson torna nel Vermont e registra Stranger’s Advice insieme ai Crown Pilot nel salotto di casa. Batteria, chitarre, basso e voce e ne viene fuori un disco di puro Americana con la sensibilità di chi sa captare tra la cruda bellezza del rock, la quotidianità di piccoli e grandi sacrifici, con piccole e grandi canzoni, dimostrando un'intima conoscenza delle armonie in Honey, It's True che da una partitura particolarmente dolente e contemplativa, libera il carisma delle chitarre.
Stranger’s A...
Nr° Letture : 402
Stampa Recensione
AMERICAN THREAD (Songs In The War) •••½

Una vena nostalgica spinge i bostoniani American Thread, l’ideale folk a stelle e strisce con la linearità classica -pur mettendo in gioco la freccia del tempo-, del rock.
Serpeggia fiera nella deliziosa Enjoy The Road, viaggia sull'inerzia impressa da un'energia adolescenziale, ma conduce molto lontani, fino alla maturità politica e morale di Songs in the War. Un approccio alla condizione umana, sulle fobie dell’uomo pronte a soccombere all’inevitabile ciclo della vita, la dimensione melodica si allarga, g...
Nr° Letture : 543
Stampa Recensione
ARBUCKLE XPRESS BAND (Bootlegger's Dream) •••½

La catena montuosa delle Arbuckle Mountains marchia il passo della band dell’Oklahoma, pensate dal lontano 1970, tra naturali cambi di squadra negli anni non hanno mai smesso di suonare insieme, eppure il debutto arriva solo nel 2006 e prodotto da Mike McClure, tanto che la nuova pausa riflessiva prima di Bootlegger's Dream non ha sorpreso poi tanto.
Bootlegger's Dream è un disco dalle due facce, si passa dalla solennità monumentale del rock sudista che soffia forte nel’avvio di Outlaws And Country Boys, su...
Nr° Letture : 474
Stampa Recensione
DAVE McCANN AND THE FIREHEARTS (Circle of Light) ••••

Ripassano i paesaggi western resi familiari ai tempi dei Ten Toed Frogs, Dave McCann tra canyon stretti, misteriosamente minacciosi, le mesas, vasti tratti rocciosi, il Montana e gli immensi, infuocati deserti del Nevada e del New Mexico, scelti come sfondo dei racconti di Woodland Tea e Country Medicine.
Dal 2009 è Dave McCann and the Firehearts ma la prospettiva sulle praterie e le colline delle riserve indiane di Blackfoot Country sono ancora il fondale e l'ispirazione per Dixiebluebird e dop...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 812
Stampa Recensione
BILLY JOE SHAVER (Long In The Tooth) ••••

Ci sono cantanti, è il caso di dirlo, che ad un certo punto della loro carriera perdono il dono del talento e, pur invecchiando male, restano comunque famosi per alcuni remoti titoli memorabili. E ce ne sono altri, sempre sulla breccia come Billy Joe Shaver, che, senza aver mai smesso di esibirsi a tamburo battente in giro per il Texas e nella maniera più umile, come esperti ed affidabili fuorilegge poco inclini alle majors, sanno ancora trovare l’occasione, il momento giusto per tornare in auge. 75 anni lo scorso 16 Agosto,...
Nr° Letture : 580
Stampa Recensione
MATT POWELL (Easy Love) ••••

Singer / songwriter / multi-strumentista e produttore della Virginia, Matt Powell è da 15 anni sulla scena texana, arrivato ad Austin col blues di The Money and the Grass ha iniziato a perlustrare in lungo e in largo i piani del suono texano, e le prospettive sono cambiate. I riferimenti country, i richiami, le simmetrie, i giochi di specchi dei racconti di vita tra le rime dell’armonica e delle steel guitars si contano a decine tra Dragonfly, Fluke Luck and Jesus e Ten Gallon Heart e dopo la pare...
Nr° Letture : 523
Stampa Recensione
JOHN EDWARD BAUMANN (High Plains Alchemy) ••••

High Plains Alchemy brulica di riferimenti texani, di congrui particolari e dettagli che tutto sommato, costituiscono buona parte del suo fascino, rispettosi come sono della tradizione cantautorale a cui John Edward Baumann guarda mentre si allontana dalla città verticale di Houston rasa al livello della strada in Eagle Ford.
Mantiene le promesse dell'EP West Texas Vernacular e ora il cielo di High Plains Alchemy è limpido, l’aria è schiarita, alt-country, americana, tempra da folksinger con Corby Schaub a s...
Nr° Letture : 498
Stampa Recensione
MATT CHARETTE (Back East) •••½

Accade che un punk-rocker decida al primo disco solista di provare a sondare strade alternative, accade al Bostoniano Matt Charette, e come tanti altri scopre di avere un’anima country-folk che rilascia in tutto Back East, un vortice di nervose ballate elettro-acustiche frammentate dalla pedal steel e dall’armonica che dispiegano le ali dalle brillanti Carry On e City Streets.
Matt Charette conosce le timbriche di una voce greve e la asseconda in pieno, mentre riflette su se stesso e riflette sugli a...
Nr° Letture : 465
Stampa Recensione
MICKY & THE MOTOCARS (Hearts From Above) •••½

Il mondo di Micky e Gary Braun oramai indebolito, preso nella corrente delle stazioni radio e quindi bloccato nelle sue naturali insofferenze, senza più energie di cambiamento, era al capolinea, i Micky & The Motocars necessitavano di una ‘trasfusione di sangue’.
Cambio della squadra, entrano Dustin Schaefer (chitarra), Joe Fladger (basso) e Bobby Paugh (batteria) e con Hearts From Above ‘tornano’ non sul piano di una piatta mediazione col passato ma scavando in una fertile contaminazione col country/rock degli a...
Nr° Letture : 466
Stampa Recensione
BUFFALO RUCKUS (Buffalo Ruckus) •••½

Vincitori del 9th Annual Texas Music Showdown Battle of the bands 2014, i Buffalo Ruckus non prendono di mira i più giovani, dimostrano lealtà nei confronti di una semplice esortazione al ‘let's rock’! La cultura musicale texana non è viziata dalla moda, è quanto di più piacevolmente anti-cool si possa ascoltare, e Buffalo Ruckus si accoda.
Jason Lovell imbraccia la chitarra, graffia insieme all’armonica If It's For Love, un bel modo di parlare di amori perduti e battiti del cuore, americana con piacevoli orlature c...
Nr° Letture : 494
Stampa Recensione
PURE GRAIN (Indiana Sun) •••½

Indiana Sun è forma del rock che rinuncia al suo tempo, i Pure Grain dopo giri a vuoto e cambi alla line-up si fermano e provano a mischiarlo al country e allo spirito classico del Sud degli States, il centro che viene fuori da Lie To Me al quale la vocalist Courtney D’Amico e la chitarra dell’altra voce Scott Siefferman si appoggiano, restituendo una immagine speculare del rock.
Riflessa in modo deformante nei tratti raggae nel finale di Summer Song, ma lascia intatti i contorni dell'insieme quando si ...
Nr° Letture : 481
Stampa Recensione
MARK JUNGERS (I’ll See You Again) ••••

Mark Jungers si dimostra profondo conoscitore della terra in cui vive, e lo esprime sulle direttrici dell’armonica e della steel guitar nel modo in cui irradiano I’ll See You Again, scorrono animate dalla capacità di fondere le visioni d'insieme di paesaggi e personaggi texani senza perdere di vista i dettagli armonici e rincorrendo anche le vedute della pedal steel di Gurf Morlix, bagnate da una luce chiarissima.
Al sesto disco insieme a parte dei the Whistlin’ Mules (Adrian Schoolar, chitarra e dobr...
DISCO DEL MESE
Nr° Letture : 757
Stampa Recensione
GRANT PEEPLES AND THE PEEPLES REPUBLIK (Punishing the Myth) ••••

In soccorso all’uomo del nuovo millennio, abituato a trangugiare immagini e suoni dalla mattina alla sera, aizzato ad affidarsi ciecamente(!) al senso razionale per eccellenza, arriva il dissacrante Grant Peeples. Sempre contro tutti, rock, folk & americana contro la politica guerrafondaia e monetaria alla Bush, sulla scia della popolarità del ‘natural capital-globalist conflagration’, Grant Peeples si ripropone con Punishing the Myth (prodotto da Gurf Morlix) di fecondare le incertezze di un’intera generazion...
Nr° Letture : 571
Stampa Recensione
MARY GAUTHIER (Trouble & Love) ••••

Trouble & Love, 8 capitoli a raccontare una tumultuosa relazione che non poteva che andare in frantumi, e quello che resta sono più Trouble(s) che Love: "What an artist tries to do," spiega Mary Gauthier. “Is take chaos and turn it into something that makes sense— and there's nothing more chaotic than a break-up; it's like being put in a freaking washing machine and being spun around. You've got all these emotions flying around. You try to grab one and hold onto it long enough to give it a name, a face and...
Nr° Letture : 503
Stampa Recensione
WAYLON SPEED (Kin) ••••

Il rock resta un elemento destabilizzatore nella musica dei Waylon Speed, una chiave che apre e insieme scardina il meccanismo di KinWe evolve naturally, we aren’t trying to make anything different or better than previous material,” racconta il bassista e vocalist Noah Crowther. “We’re family, and this natural evolvement led us to Kin.
Gli alti e bassi della vita vissuti sulla strada ruotano attorno alle chitarre di Coming Down Again, vibrano e smuovono Reminds Me, e il mondo appare sf...
Nr° Letture : 551
Stampa Recensione
   
2004-2016  ©  Rino Iacovella